news

Ducati Monster S4R


Avatar Redazionale , il 10/03/03

18 anni fa -

Motore più potente e, udite udite, il forcellone monobraccio! Non è una special è la Monster S4R, la più potente e avanzata tra le naked di Borgo Panigale. Motore da 996 cc e tante modifiche tecniche. E' l'arma Ducati per il campionato naked.

ANTI TUONO Ducati con una mano si toglie, con l’altra dà. Così a quasi un anno di distanza ecco che la Casa bolognese presenta una nuova sportiva: niente carene e semimanubri, ma solo un bel traliccio in acciaio ed un twin davvero speciale. È la nuova Ducati Monster S4, la naked più famosa d’Italia arricchita di una più che significativa "R", arrivata con un tempismo micidiale, quasi a voler rispondere a tono alla nuova Aprilia RSV Tuono Racing.

CUORE BESTIALE La nuova S4R è la più potente nuda realizzata dalla Casa bolognese. Grazie al desmoquattro da 996 cc la S4R è capace di ben 113 cavalli (12 cavalli in più rispetto alla versione standard della S4) a 8750 giri/min, ed una coppia di 95,5 Nm (9,68 kgm) a 7000 giri/min.

RITORNA IL MONOBRACCIO Anche la ciclistica ha subito notevoli cambiamenti che differenziano radicalmente questa "cafè racer" rispetto alla Monster S4. Al posteriore ecco la sorpresa: un bel forcellone monobraccio in traliccio di tubi d'alluminio, simile nella struttura a quello montato sulla MH900 evoluzione, cui si affianca un nuovo monoammortizzatore Showa completamente regolabile. Anche la forcella è una nuova Showa con steli da 43 mm con riporto superficiale al TIN regolabile in ogni dove, mentre al posto dei due semimanubri, ora troviamo un bel manubrio in lega d’alluminio a sezione variabile, dalla presa larga.

UNO SOPRA L'ALTRO Anche l’impianto frenante ha subito una piccola modifica nel disco posteriore, che diventa leggermente più spesso, passando da 5 a 6 mm, mentre i cerchi sono Marchesini a 5 razze come sulla 996. Così com’è, la nuova Monster S4R sembra voglia ribadire la sua supremazia tra le naked più agili e divertenti sia su strade tutte curve, ma anche sui circuiti. Infatti, la S4R ha nuove pedane pilota e passeggero forgiate e separate tra loro e riposizionate per aumentare la luce a terra. Nuovo il cavalletto in alluminio mentre (e ve ne sarete certo accorti) lo scarico è stato completamente ridisegnato. La configurazione è ancora 2 in 1 in 2, ma ora i terminali sono sovrapposti sul fianco destro della moto, per non toccare per terra nemmeno nelle pieghe tra i cordoli.

CAMBIA PROPRIO TUTTO Come su di una sportiva che si rispetti, arrivano anche molte parti in fibra di carbonio (parafango anteriore, fianchetti, protezioni radiatore e cartelle copri-cinghie della distribuzione). Gli specchietti acquistano un nuovo design più fresco, come la nuova strumentazione elettronica plurifunzionale con sfondo racing bianco e nero della Magneti Minarelli, in cui i display digitali indicano il momento del tagliando, la temperatura dell’acqua, l’orologio, i contaKm totali e parziali. Si può modificare l’intensità della luce del cruscotto mentre l’immobilizer, di serie, è integrato nel cruscotto a settaggio iniziale automatico.

SOLO UN MESETTO La Monster S4R  sarà disponibile presso i concessionari a partire da metà Aprile (il prezzo non è ancora stato comunicato), con garanzia di 2 anni a chilometraggio illimitato.


Pubblicato da Alfredo Verdicchio, 10/03/2003
Gallery
Logo MotorBox