Pubblicato il 28/06/21

COME CAMBIANO I DISPOSITIVI DI SICUREZZA Non lo scopriamo certo noi, tuttavia la sicurezza stradale passa per una serie di regole e strutture che ogni anno si evolvono per migliorarla e che si sviluppano in funzione di tantissimi fattori. Prendete l’asfalto drenante, che in caso di pioggia permette di ridurre la scia di acqua sollevata dalle ruote dei veicoli in autostrada. Fino a pochi anni fa non esisteva. Avete mai provato a stare dietro un tir sotto la pioggia? Capirete che cosa intendiamo dire… Ma gli esempi sono numerosi, prendete i nuovi guardrail a deformazione programmata che permettono di contenere l’automobile durante l’impatto per garantire più sicurezza ai passeggeri.

Sicurezza stradale: un guardrail lungo un tratto autostradale italiano

LO SVILUPPO DEI NUOVI GUARD RAIL Ecco, probabilmente uno dei maggiori progressi in fatto di sicurezza sulla strada arriva proprio dalle barriere di sicurezza. Progettare questo tipo di dispositivi può sembrare una cosa piuttosto semplice, ma anni di studi sugli incidenti automobilistici hanno dimostrato che costruire delle barriere sicure è un affare complicato.  L’incremento delle prestazioni delle automobili, ma anche dei dispositivi di sicurezza a bordo influisce moltissimo sulla realizzazione delle strutture fisse e le barriere non sono sempre state così sicure come oggi. La loro progettazione, soprattutto di quelle autostradali, ha richiesto anni per essere risolta e ancora oggi le esigenze di economia e sicurezza hanno reso discutibili alcune tipologie. Il nocciolo del problema è che le auto sono loro stesse intrinsecamente pericolose. Viaggiano ad alta velocità e trasportano una grande quantità di energia cinetica. Come si può analizzare osservando le parti accartocciate, subire un arresto improvviso a bordo di un’automobile è davvero una pessima situazione per il guidatore. Quindi la missione di far cedere le barriere nel modo corretto è stato l’obiettivo degli ingegneri da molti anni a questa parte.

Sicurezza stradale: un grave incidente che coinvolge un guardrail in acciaio

SISTEMI PIÙ SICURI, ALTRI MENO Nel tempo hanno fatto la comparsa differenti dispositivi di protezione, come le barriere in cemento e metallo con struttura superiore inclinata, che “accompagnavano” il veicolo deformandosi e facendolo appoggiare fino al suo arresto. Sebbene queste fossero, probabilmente, la migliore soluzione alle semplici barriere di cemento o a quelle in acciaio, che potevano trafiggere la carrozzeria, tendevano anche a lanciare veicoli in aria con effetti devastanti. Guardate il video qui sotto e capirete di che cosa stiamo parlando.

 

EVOLUZIONE CONTINUA Da allora, la tecnologia è progredita, tanto che le barriere metalliche possono deformarsi in maniera programmata quando avviene l’impatto grazie a zone cosiddette “sacrificabili” (e persino riutilizzabili), che proteggono a partire dalle estremità delle barriere stesse. In sostanza, non ci sono dubbi che lo sviluppo e la costruzione di sistemi più moderni per proteggere gli utenti della strada sia fondamentale e la tecnologia per farlo è già disponibile. Tuttavia, oggi sono ancora utilizzate tecnologie obsolete poiché il processo di rinnovamento delle infrastrutture è troppo lento. Ma la sicurezza per gli utenti della strada non può aspettare.


TAGS: sicurezza tecnologia incidenti sicurezza stradale guardrail guardrail video