Pubblicato il 26/08/20

ALTRA CANCELLAZIONE Sembra senza pace la stagione 2020 del WRC. La pandemia di Covid-19 continua a stravolgere i piani, non appena il calendario viene sistemato con le nuove date. Dopo Argentina, Portogallo, Finlandia, Kenya, Nuova Zelanda, Gran Bretagna e Giappone, anche il Rally Germania alza bandiera bianca. Fatali per la competizione le nuove restrizioni del governo regionale, che evitano assembramenti di persone superiori alle 350 unità. La gara sull'asfalto tedesco si sarebbe dovuta svolgere a metà ottobre, terz'ultima prova di un calendario rivisitato comprensivo di otto eventi.

SARDEGNA ANTICIPATA A differenza dei precedenti casi, non ci saranno altre new entry come l'Estonia o il Belgio a colmare le perdite e dunque la stagione 2020 si disputerà su un totale di sette round. La cancellazione del Rally Germania comporta però una novità che ci riguarda da vicino: il Rally Italia Sardegna cambia data e viene anticipato al weekend dell'8-11 ottobre, evitando così la concomitanza con il GP Emilia Romagna di Imola prevista con il precedente calendario.

LA SODDISFAZIONE DI STICCHI DAMIANI Il presidente dell'ACI, Angelo Sticchi Damiani, ha espresso la propria soddisfazione per il lavoro svolto: ''In ACI abbiamo lavorato molto per ridefinire le nuove date del Rally Italia Sardegna 2020. Non è stato facile trovare le giornate giuste che potessero mettere insieme le esigenze di tutti gli stakeholder e che potessero funzionare bene per la regione Sardegna. In questo anno molto difficile ACI ha voluto, come già dimostrato con i GP di F1 di Monza, Mugello e Imola, tutelare il motorsport nazionale e internazionale confermando anche la nostra competizione. Ringrazio personalmente la regione Sardegna per il loro assoluto supporto per realizzare tutto questo''.


TAGS: wrc rally italia