Pubblicato il 07/09/20

VITTORIA NEGATA E' proprio il caso diparlare di vittoria negata quella vista ieri a Monza in occasione della seconda gara del week end della Formula 2 sulla pista italiana. Dan Ticktum è scattato abilmente dalla seconda casella al via, e si è installato al comando sopravanzando Louis Deletraz. L'inglese ha condotto tutta la gara al comando con un margine di sicurezza fin sotto la bandiera a scacchi salvo poi parcheggiare la monoposto a bordo pista pochi metri dopo. Ciò che si temeva è poi successo in sede di verifica: la vettura è stata esclusa per assenza del quantitativo minimo di carburante nel serbatoio a fine gara e la vittoria è stata assegnata a Callum Ilott.

SERBATOIO BUCATO Pronta la reazione del team francese DAMS che ha emesso un comunicato stampa dove il proprio responsabile ha espresso le sue argomentazioni. Pare infatti che la vettura non avesse il quantitativo minimo di carburante a fine gara perché il serbatoio si è bucato (i serbatoi delle macchine da corsa sono in materiale non rigido per evitare perdite di benzina in caso di incidente, ndr). Il serbatoio, dunque, era completamente privo di carburante.

dan ticktum dams

LE PAROLE DI SICARD ''Questi problemi ai serbatoi sono noti da tempo agli organizzatori del campionato - ha commentato Francois Sicard, Managing Director del team DAMS - il serbatoio della vettura di Ticktum era stato sostituito tre gare fa e già si è bucato. Avevamo messo in macchina il giusto quantitativo di carburante. Anzi, ne avevamo messo in più per sicurezza. E' un miracolo che Dan sia arrivato fino al traguardo. Il serbatoio era vuoto. Abbiamo trovato carburante ovunque una volta aperta la macchina''.

AFFIDABILITA' SOTTO ACCUSA ''La vettura nr. 1 (quella guidata fino a Barcellona da Sean Gelael e da Juri Vips adesso) si è fermata sei volte in dodici gare per problemi al motore - ha aggiunto Sicard - ora abbiamo problemi al serbatoio come anche altre squadre ne hanno avuto. Il nostro è stato il caso più eclatante. Abbiamo vinto la gara in pista ma siamo stati esclusi per qualcosa che non è riconducibile alla condotta del pilota, della squadra o degli ingegneri che hanno fatto il loro lavoro in maniera perfetta calcolando il giusto quantitativo di carburante per una pista dalle velocità più alte del solito qual è Monza''.

LA PALLA PASSA AGLI ORGANIZZATORI ''Queste non sono cose che possono accadere in un campionato di tale livello con i budget richiesti per prendervi parte e per essere competitivi - ha concluso Sicard - è inaccettabile. Tutte le squadre stanno combattendo contro problemi al di fuori del loro controllo. L'affidabilità è necessaria. Questo è un campionato molto competitivo e che ha tutte le carte in regola per essere uno dei più importanti. Sta ora agli organizzatori risolvere questi problemi una volta per tutte!''


TAGS: formula 2 DAMS Ticktum sicard