Guerra, Twitter chiede a Musk di spegnere le Tesla in Russia
Guerra in Ucraina

"Spegni tutte le Tesla in Russia": la richiesta della rete a Musk


Avatar di Lorenzo Centenari , il 11/03/22

2 mesi fa - L'appello di numerosi utenti Twitter: disattivare le auto da remoto

L'appello di numerosi utenti Twitter: disattivare le auto da remoto. Ma il patron Tesla, su eventuali ritorsioni, si è già espresso

Il classico ''kill switch'': premi un pulsante e dall'altra parte del mondo, all'improvviso, tutti in panne. No, non è fantascienza, tuttavia della tecnologia non puoi fare un uso indiscriminato. E Musk, di disabilitare le vetture Tesla circolanti in Russia, nonostante la pressione dei suoi fan, già lascia intendere di non averlo in mente.

BENEFATTORE Con l'invasione russa dell'Ucraina, fioccano sanzioni, ritorsioni, controritorsioni tra Occidente e Mosca. Sempre più organizzazioni limitano o interrompono del tutto il proprio business nella Federazione, altre si impegnano a erogare servizi utili alla popolazione locale. Vedi lo stesso Musk, che oltre ad aver abilitato il proprio servizio di connettività Starlink nel Paese ex sovietico, ha anche reso gratuita la ricarica dai Supercharger Tesla in tutta l'Ucraina. Ora, numerosi utenti delle rete chiedono al tycoon un'altra...iniziativa. Di altro genere.

VEDI ANCHE



PROPOSTA INDECENTE Dal giorno in cui sono scoppiate le ostilità, diversi utenti Twitter pregano Musk affinché disattivi da remoto tutti i veicoli Tesla che popolano le strade russe. Poche centinaia, per la verità, per lo più concentrate nella capitale. Considerando che ogni prodotto del brand è collegato al cloud, il punto non riguarda la fattibilità o meno dell'operazione. Il problema è innanzitutto di natura etica: parte della popolazione russa avrebbe condannato le scelte di Putin di invadere l'Ucraina, punirli in un modo tanto diretto per le azioni del loro leader non solo oltrepasserebbe il perimetro legale delle sanzioni internazionali, ma rischia di passare come un diabolico ''dispetto'', rivolto peraltro al bersaglio sbagliato (non vuoi mai che un cliente Tesla, anche laggiù, simpatizzi per tutto ciò che arriva dagli Stati Uniti).

LIBERTÀ DI ESPRESSIONE Elon Musk deve ancora rispondere, tuttavia - sebbene abbia comunque mostrato un forte sostegno all'Ucraina - ha pure manifestato comprensione per i cittadini russi contrari alla guerra. Musk ha inoltre rivelato che da alcuni governi avrebbe subito pressioni affinché Starlink bloccasse le fonti di informazioni russe. Ma che non lo avrebbe mai fatto, se non sotto la minaccia delle armi, essendo un sostenitore della libertà di parola. I problemi sono altri: Musk non ''congelerà'' le Tesla russe.


Pubblicato da Lorenzo Centenari, 11/03/2022
Tags
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox