Carlos Ghosn fugge in Libano per evitare il processo
Industria

Carlos Ghosn in Libano per sfuggire al processo in Giappone


Avatar di Emanuele Colombo , il 31/12/19

1 anno fa - Carlos Ghosn fugge in Libano per evitare il processo

Si proclama innocente e vittima di una persecuzione da parte del tribunale giapponese: Carlos Ghosn fugge in Libano

FUGA PER LA LIBERTÀ In Giappone, dove è stato incarcerato e rilasciato più volte, lo attende un processo per frode finanziaria. Per sfuggire a quella che lui definisce ''una persecuzione politica'', Carlos Ghosn è fuggito in Libano, dove il passaporto libanese gli concede protezione rispetto all'estradizione e dove - riporta il New York Times - risiederebbe protetto da guardie armate all'interno della sua villa.

SFUGGITO ANCHE AI SUOI AVVOCATI Ex amministratore delegato di Nissan e per lungo tempo ai vertici di Renault e Mitsubishi, Ghosn avrebbe approfittato del suo momentaneo status di uomo libero in seguito al pagamento di una cauzione da 9 milioni di dollari per sfuggire al controllo delle autorità e dei suoi stessi avvocati, raggiungendo il Libano con un aereo privato, attraverso la Turchia.

VEDI ANCHE



Carlos Ghosn scaricato anche da Mitsubishi Carlos Ghosn scaricato anche da Mitsubishi

LA DICHIARAZIONE DI GHOSN Continua a proclamarsi innocente, Ghosn, che chiarisce il gesto: ''Ora sono in Libano e non sarò più tenuto in ostaggio da un sistema giudiziario giapponese truccato in cui si presume la colpevolezza, la discriminazione dilaga e vengono negati i diritti umani di base, in flagrante disprezzo degli obblighi legali del Giappone ai sensi del diritto internazionale e dei trattati cui è vincolato''.

INNOCENTE FINO A PROVA CONTRARIA Sin dall'inizio della vicenda, Ghosn ha sempre sostenuto la sua innocenza, accusando prima i suoi ex colleghi della Nissan di mettere in scena i suoi problemi per rimuoverlo, incolpando poi il sistema giudiziario allorché ulteriori dettagli sulle sue presunte infrazioni venivano resi noti. Prima della fuga aveva manifestato i dubbi suoi e dei suoi legali circa l'equità del processo a cui andava incontro.


Pubblicato da Emanuele Colombo, 31/12/2019

Vedi anche
Logo MotorBox