Autore:
Giulia Fermani

NON ANCORA LEGGE Essere genitori, si sa, è il lavoro più difficile e l'errore è sempre dietro l'angolo. Metti che il principe Harry e la duchessa del Sussex Meghan Markle dovessero dimenticare il neonato Royal Baby a bordo della Rolls di famiglia... In casi come questo, la legge (italiana) sarebbe dovuta arrivare in loro soccorso, con l'entrata in vigore dal 1° luglio dell'obbligo di utilizzo di sistemi anti-abbandono per trasportare in auto bambini sotto i quattro anni. Scherzi a parte, con dispiacere riportiamo la notizia che, a causa di alcune lungaggini burocratiche, l'obbligo di cui sopra è slittato. La nuova data prevista per l'introduzione dell'obbligatorietà è la metà di novembre 2019. 

I NUOVI TEMPI Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha formalizzato lo scorso gennaio lo schema di decreto che chiarisce le caratteristiche tecniche dei dispositivi anti-abbandono per seggiolini. Le modifiche all'art. 172 del Codice della Strada circa l'obbligo di applicare sistemi tecnologici destinati a prevenire l'abbandono di bambini a bordo dell'auto sarebbero dovute entrare in vigore dal 1° luglio; vale a dire a centoventi giorni dalla data di entrata in vigore del decreto. Dal momento, però, che il decreto attuativo non è ancora entrato in vigore -la data prevista era il 27 dicembre 2018- il termine non potrà essere rispettato. Il progetto ora arriverà all'attenzione del Consiglio di Stato il 22 luglio e, in caso di approvazione, diventerà effettivo 120 giorni dopo, vale a dire intorno al 19 novembre 2019

 


TAGS: seggiolini seggiolini anti abbandono obbligo sistemi anti-abbandono protezione minori