Guerra in Ucraina, Renault chiude le fabbriche in Russia
Guerra in Ucraina

Renault chiude i suoi stabilimenti in Russia


Avatar di Claudio Todeschini , il 24/03/22

2 mesi fa - Guerra in Ucraina, Renault chiude le fabbriche in Russia

Come già altri costruttori, anche la casa francese ha deciso di sospendere tutte le sue attività nel territorio russo

Con un breve comunicato stampa pubblicato nella serata di ieri, Renault ha ufficializzato la sospensione, a partire da oggi, di tutte le attività del suo stabilimento di Mosca. Il gruppo francese sta anche valutando le possibili opzioni sulla sua partecipazione nella controllata AvtoVAZ, il costruttore russo posseduto da Lada. Insieme a Dacia, Lada fa parte del gruppo Renault, che ne controlla il 67,61%. 

Guerra in Ucraina, Renault chiude gli stabilimenti di Mosca Guerra in Ucraina, Renault chiude gli stabilimenti di Mosca

VEDI ANCHE



STIME AL RIBASSO In conseguenza di questa inevitabile decisione, il gruppo Renault dovrà rivedere le sue prospettive finanziarie del 2022, con un margine operativo dell’ordine del 3% (a fronte di più del 4% annunciato in precedenza), e un free cash-flow operativo del ramo auto positivo a fronte del miliardo di euro annunciato in precedenza. I dipendenti del gruppo Renault in Russia sono 45mila. Senza scendere in ulteriori dettagli, la casa ha annunciato di voler “agire responsabilmente” nei loro confronti.


Pubblicato da Claudio Todeschini, 24/03/2022
Tags
Vedi anche
Logo MotorBox