Concept car/

Citroën C-Cactus


Avatar Redazionale , il 04/09/07

14 anni fa - Un Cactus dall'aspetto lunare e lo spirito ecologico.

Un Cactus dall'aspetto lunare ma dallo spirito ecologico. Ruotoni extralarge, motore diesel e ibrido, soluzioni costruttive e abitative con gli occhi puntati su sostenibilità ambientale. Ecco il futuro possibile dell'auto multiuso, fatto di ritorno alle origini reinterpretate in salsa tecnologica

Benvenuto nello Speciale CONCEPT INTERRUPTUS: QUANDO L'IDEA RESTA TALE, composto da 12 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario CONCEPT INTERRUPTUS: QUANDO L'IDEA RESTA TALE qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

CHE CACTUS È solo un concept e quindi si può perdonare il nome. Che invero riesce ad attirare l'attenzione, ma non racconta nulla di quanto si nasconde sotto il bozzolo ruotuto che Citroën presenterà a Francoforte. Una reinterpretazione dell'auto basica, un ritorno alle origini ma coerente con i tempi. Fatti di irruninciabili comodità e momenti ludici (non mancano computer di bordo e lettori mp3). Ma anche di coscienza e sostenibilità ambientale, non manca il motore ibrido, diesel per l'occasione, mentre progettazione e costruzione rispettano al massimo il pianeta.

SENSE AND SIMPLICITY Piacere senza spine. La C-Cactus sembra ideata e costruita per solleticare e appagare i sensi, senza complicazioni. Bella, brutta, strana, troppo moderna o troppo giocattolosa, di sicuro non passa inosservata. E soprattutto evita quell'aria senza pretese da "costo poco". Risparmiando dove non si vede, il Cactus francese presenta soluzioni furbe come il paraurti anteriore in un sol pezzo, che integra fari, doppio Chevron, mezzo frontale e tanta economia di scala nella costruzione.

TREND E SOLUZIONI Via libera quindi a soluzioni trendy e ammiccanti ai gusti del moderno automobilista e pensatore occidentale. Fari tondeggianti davanti che rendono il muso simpatico, ma anche parabrezza con montanti nascosti in modo da creare l'effetto "tetto sospeso", che alleggerisce l'insieme. Raffinata. Via libera anche al bicolore ma senza rievocare auto da Al Capone, un sobrio bianco perla e grigio in accordo con le tendenze cromatiche del momento. Qui il tono su tono serve a dipingere le porte e lo spazio abitativo, sormontato dalla consueta vetrata panoramica, in modo da far capire subito quanto spazio e attenzione il Cactus riservi ai suoi abitanti.

DINAMICA Le ruotone (205/45 su cerchi da 21) per le quali è lecito attendersi normalizzazioni in caso di produzione, sonocolorate e studiate apposta con Michelin per consumare di meno e piacere agli occhi di chi guarda e di chi guida. Ma anche sistemate ai quattro angoli per guadagnare spazio a bordo e per non avere un quadro dinamico incerto. Il volume posteriore si risolve in un taglio svelto e basso, con il portellone che integra i fanali per continuare la dichiarazione di intenti all'insegna della funzionalità mai banale.

SPAZI GENEROSI Le dimensioni esterne non sono rivoluzionarie ma tentanonuove proporzioni con una lunghezza di 4,2 metri fuori tutto e una larghezza di 1,8. Non un cubo ma quasi. La piattaforma è quella della C4. E buttato l'occhio sugli interni rimane quell'aria da viaggio nello spazio. Con tante soluzioni pensate per far vivere bene e senza complicazioni. Il bagagliaio spazia tra i 500 e oltre 1000 litri. Mentre lo stile minimalista e poco invasivo mette al centro l'uomo e il contato con la natura. Citata nelle tappezzerie e nelle finiture. Per completare l'illusione visiva serve ingannare anche l'olfatto: ecco il profumatore d'ambiente dedicato.

INTERATTIVITÀ SEMPLICE Anche la tecnologia di bordo,adeguata ai tempi serve a vivere meglio e si interfaccia con semplicità. Sia negli interni con la riduzione di pulsanti, manca una vera e propria plancia, almeno per come la conosciamo, e ha comandi ridotti all'essenzialità. Ma, qui sta il barbatrucco, senza cadere nella sobrietà bulgara: i comandi sono in gran parte radunati sul volante. Non manca il computer di bordo centrale, che governa l'elettronica di bordo mediante touch screen. Mentre il lettore mp3 portatile e integrato nella plancia costituisce la punta dell'iceberg. E testimonia l'integrazione sempre più stretta tra bit e pistoni. Non mancano regolatori di velocità e freno mano elettrico.

IBRIDO A GASOLIO Anche il propulsore ibrido sembra pensato per accontentare tutti i piedi e tutte le coscienze. Non manca la modalità zero emissioni, mentre i cavalli old style sono 70, e vengono soccorsi da altri 30 elettrici. Il risultato, a parte una velocità massima limitata a 150 km/h per eccesso di educazione, sono emissioni e consumi tranquillizzanti. Non disgiunti dalla grinta necessaria a muoversi senza imbarazzi. Risultati cui contribuisce la massa complessiva di 1180 kg che sembrerebbe segnare, un ritorno al downsizing (-15% rispetto all'equivalente C4). I numeri dicono 2,9 litri per 100 km e 78 g/kmdi emissioni CO2 nel ciclo combinato.

DNA DELLE ANTENATE Ci sono le auto normali, che si adattano al tempo in cui vivono. Quelle raffinate e modaiole, che precorrono i gusti che verranno. Poi ci sono i Suv che regalano la sensazione di onnipotenza nei movimenti e sicurezza. E ancora le ibride con quell'aria un po' (troppo) secchiona spaziosa, comoda, senza fronzoli ma senza rinunce. Il Cactus con la C prende tutto questo, lo frulla e lo ripresenta. E con un fisichino adatto all'escursione nella cascina della nonna, ma anche al parcheggio del locale giusto. Terribilmente interclassista. Non era così anche la 2CV?


Pubblicato da Luca Pezzoni, 04/09/2007
Gallery
Concept interruptus: quando l'idea resta tale
Logo MotorBox