Autore:
Luca Cereda

NOSTALGIA CANAGLIA Il nome – Alfa Romeo Giulietta Sprint Speciale – scava nel passato (1957) per aggiungere ulteriore lustro a quello che non è un remake vero e proprio, ma un nuovo allestimento, da oggi a listino, della Giulietta contemporanea. Un allestimento ispirato alla Giulietta Sprint Speciale disegnata da Franco Scaglione (Bertone) ormai un bel po’ di anni fa. Il filorosso, va da sé, sta nella sportività.

COM’E’ Paraurti posteriore sportivo, minigonne, terminali di scarico maggiorati, cerchi in lega Sprint da 17'' bruniti, l'impianto frenante maggiorato Brembo con pinze rosse a quattro pistoncini: tutti questi elementi contraddistinguono l’Alfa Romeo Giulietta sprint Speciale al primo colpo d’occhio. Insieme ai vetri posteriori oscurati e alle finiture lucide in tinta antracite su calandra, maniglie, calotte degli specchi retrovisori e cornici dei fendinebbia. Nel reparto tecnico, le sospensioni ricevono una taratura ad hoc.Dentro, invece, l’abitacolo sfoggia rivestimenti in tessuto e Alcantara, un volante sportivo tagliato in pelle con  cuciture rosse e le modanature della plancia e del tunnel Silver. Di serie, l’Alfa Romeo Giulietta Sprint Speciale ha anche la pedaliera sportiva e il batticalcagno, entrambi in alluminio. Il tocco di colore finale potrebbe essere il pomello del cambio Rosso Alfa (a richiesta, ma gratis).

MOTORI E PREZZI Si può avere con motori 1.4 MultiAir TurboBenzina da 150 cv e turbodiesel 1.6 JTDM 120 cv, 2.0 JTDM 150 cv e 2.0 JTDM 175 cv, quest’ultimo anche abbinato al TCT.I prezzi partono da 27.500 euro per arrivare a sfiorare i 33.000. Di serie, per tutte, clima automatico bizona e sistema infotainment con schermo touch screen.


TAGS: alfa romeo giulietta Alfa Romeo Giulietta Sprint Speciale