Autore:
Gilberto Milano
Pubblicato il 22/11/2007 ore 09:13

BIG TATA Se siete tra coloro che associano i prodotti indiani a una qualità da hard discount meglio iniziare a osservare questa Casa con un occhio più attento. TataMotors è un colosso emergente e in forte espansione, che ha fatto passi da gigante e che dispone di ampie disponibilità economiche, tanto da essere inprima fila tra i potenziali acquirenti di Jaguar e Land Rover.

FRAU TATA C'è poi l'accordo con il Gruppo Fiat per la produzione di motori e auto
(Grande Punto) per l'India e per il Sud America e un progetto in fase avanzata per la produzione di un'auto low cost da 1.600 euro. Per non parlare degli altri interessi di un Gruppo poliedrico da 22 miliardi di dollari di fatturato in campi che abbracciano il mondo dell'energia, della chimica, dei servizi, del consumo, dell'engineering e dei materiali, compresa l'industria alberghiera e non ultima quella dell'arredamento, con una joint venture con Poltrona Frau.

MADE IN INDIA? Insomma, meno pregiudizi anche sulle sue auto, come per l'ultima arrivata, un pick up all'europea, disegnato da un Centro stile inglese, con un motore di derivazione francese e un nome occidentale. E così per le dimensioni, in linea con il nostro mercato: 4,8m di lunghezza, 1,86 di larghezza, 1,76 di altezza, 2,8 di passo (per il passo corto;3,15m per il passo lungo, che arriva a una lunghezza massima di 5,12m). Solo i prezzi, come vedremo, sono da Casa indiana.

PICK UP VERO Misure da big anche se a guardarlo non si direbbe: lo Xenon ha una figura agile e compatta; l'alto paraurti anteriore, la calandra a trapezio rovesciato,i due fari squadrati e la linea di cintura molto alta con i passaruota muscolosi contribuiscono a dargli un'immagine moderna e slanciata. Un mezzo da lavoro in sintonia con la trasformazione ludica dei pick up moderni, utilizzati sempre più spesso per il tempo libero, ideali per caricare attrezzi sportivi e bottini raccolti nei raid da week end.

QUINTA CLASSIFICATA Non che il pick up sia una novità assoluta per Tata: sono 12.000 i suoi pick up circolanti in Italia e quest'anno, prima ancora del lancio dello Xenon, la classifica delle vendite la pone al quinto posto assoluto dopo i pick up Mitsubishi, Nissan, Toyota e Isuzu. E' probabile che lo Xenon possa persino salire di posizione, anche perché oltre a essere più fashion del modello attuale offre soluzioni in grado di soddisfare un po' tutti i gusti e le esigenze (saranno 15 le versioni a listino): dalla cabina singola alla doppia, dal passo corto al passo lungo, da due o da quattro ruote motrici.

LOW COST Il piano di carico è generoso, con la sponda ribaltabile e la vasca protetta da un rivestimento in materiale sintetico contro i graffi. Le dimensioni della cassa sono ovviamente diverse da versione a versione: 1,4x1,88 m per lo Xenon a due ruote motrici con cabina singola; 1,4x1,43 m per il passo lungo due posti. Le dotazioni di serie saranno anche ridotte all'osso (mancano condizionatore e radio però ci sono volante regolabile, chiusura centralizzata, alzacristalli elettrici) tuttavia il giudizio non può prescindere dal prezzo: da 11.700 euro il 4x2 a 14.300 euro il 4x4 (Iva esclusa).

PART TIME Prezzi da utilitaria ma con praticità e contenuti da fuoristrada. Il sistema di trazione integrale, per esempio, è del tipo part time, inseribile: la motricità è inizialmente sulle ruote posteriori e all'occorrenza può essere inserita anche alle ruote anteriori grazie a un comando "a rotella" sistemato a fianco del volante, facile e comodo da manovrare. Un comando elettrico che può essere inserito anche con la vettura in movimento fino a 60 km/h. Con lo stesso comando si inseriscono anche le ridotte. Di serie è previsto anche il differenziale posteriore autobloccante e il cambio manuale a cinque rapporti.

CUORE AUSTRIACO Il motore è un 2.2 litri a gasolio con turbina a geometria variabile, 140 cv di potenza massima a 4.000 giri e una coppia massima corposa di 320 Nm che rimane tale dai 1.700 ai 2.700 giri. Un motore Euro 4 prodotto in Austria dalla stessa Casa che produce motori per il Gruppo PSA (Peugeot e Citroën), abbastanza simile al 2.2 francese, e che presto sarà disponibile anche con filtro antiparticolato in modo da poter circolare sempre e ovunque. I consumi medi dichiarati parlano di 8,5 l/100 km mentre la velocità massima raggiungibile è di 160 km/h.

SCHEMA MISTO Per le sospensioni la soluzione adottata è a schema misto, con ruote indipendenti all'avantreno (con triangoli oscillanti, barra stabilizzatrice e ammortizzatori telescopici) e posteriormente a ponte rigido, molle a balestra semiellittiche e ammortizzatori. Misto anche l'impianto frenante, con dischi ventilati all'anteriore e a tamburo posteriormente. ABS e ripartitore di frenata completano la dotazione.

IN MEZZO AL GUADO Dotazioni che abbiamo potuto valutare solo in un brevissimo ma impegnativo percorso di una pista per fuoristrada, sufficiente però a capire le potenzialità dello Xenon, con il quale è possibile superare ostacoli di tutto rispetto con pendenze fino a 80°. La coppia disponibile associata alle ridotte riesce a fare miracoli e i percorsi che è in grado di affrontare sono di quelli che molto raramente capita di incontrare. Gli angoli di attacco, dosso e uscita (rispettivamente di 24°-15,5°-21°) sono sufficienti alle normali necessità fuoristradistiche non competitive. E l'altezza minima di 20 cm, consente tuttavia di superare guadi di 50 cm di altezza.


TAGS: prova tata xenon 2.2 dicor passaggio in india