Prova su strada

Rover 25


Avatar Redazionale , il 01/08/01

20 anni fa -

Venticinque o twentyfive, a seconda dei gusti, è la sostituta della 200. Cambiano il frontale, simile a quello della 75, qualche dettaglio estetico e la gamma dei motori disponibili diventa più moderna. Anche la qualità e il comfort migliorano e la vera novità è il prezzo, diminuito e decisamente interessante.

LA NOVITA’

La 25 si distingue dalla 200 a colpo d’occhio: sono proprio gli occhi e il frontale la vera differenza estetica. I fari lunghi e sottili sono stati sostituiti da quattro bei fari tondi tagliati nella parte alta dalla linea del cofano, come gli occhi del cattivo dei fumetti sono tagliati dalle sopracciglia aggrottate. Un frontale più personale grazie anche al nuovo paraurti e che riprende lo stile di famiglia Rover, quello lanciato dall’ammiraglia 75 (o Seventyfive…). Per chi la guarda da dietro, le differenze vanno cercate nei dettagli, come gli specchi retrovisori ovali, i copricerchi e il paraurti. Nel complesso, un disegno elegante e ormai datato (risale al 1995) che sopporta ancora bene il peso degli anni.

NUOVI SEDILI

Poche novità per l’abitacolo nella trasformazione da 200 in 25. Non cambia la plancia, sobria e morbida nello stile ma arrivano nuovi sedili, più imbottiti e profilati, e nuovi pannelli per le portiere, con parti rivestite in tessuto e tasche più capienti. Un ambiente curato, dall’aspetto ricco e non spartano come offrono auto della medesima fascia di prezzo.

NUOVI MOTORI

La gamma dei motori disponibili cambia e si aggiorna. Rimane disponibile il motore 1100 (in vendita prima dell’estate), esce di scena il 1.400 da 75Cv per far posto a un 1.400 sedici valvole da 84Cv (62kW) e 110 Nm a 4.500 giri per 180 km/h di velocità massima, 0-100 km/h in 12,9 secondi e 15,2 km/litro. Il nuovo motore si affianca al 1.4 16v da 103 Cv (76kW), 123 Nm a 4.500 giri, 185 km/h, 0-100 in 11,2 secondi e 15,2 km/litro. Il motore 1.6 16v perde un paio di cavalli fino a 109 (80kW) e 7 Nm fino a 138 a 4.500 giri in favore dei consumi che consentono percorrenze medie nell’ordine dei 14,9 km/litro, per 190 km/h e 0-100 km/h in 10,1. Il motore 1.8 16v da 117 Cv abbinato al cambio CVT con controllo elettronico e comando sequenziale sarà presentato nei prossimi mesi. Anche il 2.0 turbodiesel con intercooler perde potenza, 5 cavalli fino a 101 (74Cv), ma guadagna il 15% di coppia massima, da 210 a 240 Nm a 2.000 giri.

PREZZI DA PICCOLA

Rispetto alla 200, la novità più interessante è la diminuzione dei prezzi, che rende la 25 una scelta interessante: è un poco più grande delle piccole con cui si confronta per prezzo ma è decisamente meno costosa delle grandi con cui si confronta per dimensioni (399x169cm).

BEN DOTATA

Anche la dotazione è interessante rispetto al prezzo. La 1.4 base da 84Cv 3 porte da 23.950.000 lire offre una dotazione di tutto rispetto: doppio airbag, volante regolabile, inserti in radica sulla plancia chiusura centralizzata con telecomando, antifurto perimetrico con immobilizzatore, sedile posteriore diviso, alzacristalli elettrici anteriori con discesa automatica lato guida. Per 24.450.000 si aggiunge il condizionatore e per 25.800.000 si ottiene la 1.4 16v 103Cv Classic con Abs e altoparlanti anche posteriori e con 27.000.000 si raggiunge l’allestimento Club, con cerchi in lega, poggiatesta posteriori, sedile guida con regolazione lombare e in altezza, bracciolo posteriore, specchi a regolazione elettrica e riscaldati. Classic e Club sono gli allestimenti disponibili per 1.6 e 2.0 td, 27 e 28,2 milioni la prima, 29,9 e 31,1 milioni la Td. Le 5 porte costano un milione in più. Prezzi interessanti, soprattutto per le versioni a ben

ACQUISTO PROTETTO

Stanchi dopo pochi giorni della 25? Si può rendere al concessionario entro 30 giorni o 1.000 chilometri senza motivare la scelta, accettando il rimborso (escluse le spese si immatricolazione) o sostituendola. Nel prezzo sono inclusi 3 anni di assistenza stradale gratuita in tutta Europa e l’anno di garanzia offerto di serie può essere esteso a 2 anni e 60.000 km o 3 anni e 100.000 km con, rispettivamente, 545.000 e 651.000 lire. Rover offre anche polizze assicurative a condizioni interessanti.

AL VOLANTE

Malgrado l’anzianità del progetto, al volante della 25 si siede bene, anche se i nuovi sedili sono anche troppo imbottiti, rischiando di far galleggiare il pilota. I comandi sono ben disposti e si utilizzano senza incertezze, la visibilità è buona in tutte le direzioni. Rispetto alle piccole a cui si confronta per prezzo, la 25 offre sensazioni, al tatto e alla vista, di livello superiore, creando l’illusione di trovarsi al volante di un’auto di categoria superiore.

PIÙ QUALITA’

A corroborare la sensazione di auto grande c’è anche il lavoro svolto da Rover in termini di qualità. Ora la carrozzeria è meglio isolata dalle piaghe della strada, meno vibrazioni e meno rumore disturbano gli ospiti dell’abitacolo che offre reminiscenze del British Style con gli inserti di radica sparsi sulla plancia (e sulle portiere delle Club). Il comfort è di buon livello e consente di affrontare lunghi viaggi senza la fatica della sopportazione del rumore.

ASSETTO SPORT

La 25 eredita l’assetto della Vi, la versione sportiva della 200, ma senza essere troppo sportivo: unito allo sterzo più diretto, il nuovo assetto rende più precisa la guida. Rimane però il vecchio difetto da trazione anteriore datata, la tendenza a destra quando si accelera e a sinistra quando si solleva il piede dal gas, difetto che in autostrada richiede continue correzioni.

I MOTORI

Senza pretese il 1.4 16v da 84 Cv, muove la 25 con il brio sufficiente a chi non ha fretta. Molto piacevole il 1.4 16v da 103 Cv, pronto e disponibile ai bassi regimi, tira fuori la grinta quando si fa salire l’ago del contagiri. Sembra più brillante del 1.6 16v, che invece non mostra disponibilità a spingere se non si tirano le marce. Adatto anche a chi ama la guida sportiva è il 2.0 turbodiesel, potente e brillante, non fa sentire troppo la sua anima a gasolio all'interno dell'abitacolo, grazie anche alla nuova insonorizzazione.

di Massimo Guadagno
21 gennaio 2000


Pubblicato da Redazione, 01/08/2001
Logo MotorBox