News

Ford KA


Avatar Redazionale , il 01/08/01

20 anni fa -


Arriva ora la prima serie speciale della mitica Ka, insieme a un aggiustamento dei prezzi verso il basso. La Ka Collection si presenta con una livrea gialla, argento o in uno splendido blu notte dalla metallizzatura fine. La dotazione è stracompleta: doppio airbag, climatizzatore, stereo con CD, servosterzo, alzacristalli elettrici, chiusura centralizzata, sedile posteriore sdoppiato, sedile di guida regolabile in altezza, volante e pomello cambio rivestiti in pelle e finiture speciali. Tutto per 19.170.000 lire chiavi in mano, l'Abs costa altre 800 mila lire. La nuova gamma Ka parte poi dai 16.470.000 lire della versione University, senza climatizzatore e servosterzo. Sempre più interessante per rapporto prezzo/contenuti, la Ka merita una prova.

LA NOVITA' Sembra un'auto giocattolo, ma in realtà è un fenomeno di costume. Provate a guardare chi la guida: troverete la signora e la ragazza, ma anche giovani, padri di famiglia, impiegati, professionisti… La Ka è un'auto trasversale, malgrado il suo design da cartoon lasci pensare a un pubblico giovane e soprattutto femminile. Invece la Ka la compra chi avrebbe comprato la Mini o la Fiat Punto, la Twingo o la Corsa. Qualcuno ha giocato in casa, scegliendola al posto della sorella maggiore Fiesta.

TAGLIA 36 Come è potuto accadere? La sua immagine forte con il portellone da lavasciuga e i paraurti da autoscontro (ottimi per proteggere la piccola nei posteggi) è piaciuto un po' a tutti e soprattutto sono piaciuti il suo prezzo e le sue qualità. L'unico neo: il bagagliaio un po' piccolo in termini assoluti, ma sufficientemente grande per una taglia 36 (sono i decimetri occorrenti per coprire la lunghezza complessiva della Ka) che ospita comodamente quattro persone. È un'auto a cui ci si affeziona, perché ha personalità estetica e perché è un vero gioiello da guidare, quanto più vicino esiste a un kart omologato per la strada.

GENIALE E all'interno, poi, è un concentrato di stile innovativo e funzionale, di idee geniali e ben disegnate. La plancia, con la console color argento nelle versioni normali e argento azzurrato per la Collection, è piena di pulsantoni, è moderna, avveniristica, con uno stile che pensa all'ergonomia, che mette tutti i comandi a portata di mano, utilizzabili senza distrarsi. Le bocchette della climatizzazione sono poi un piccolo capolavoro di genialità: non hanno complicati cursori per la regolazione, a seconda di come sono ruotate, si aprono, si chiudono, si regolano. E vogliamo parlare del cassettino multifunzione davanti al passeggero? Gira su sé stesso come la bussola del lotto e da un lato ha funzione di ripiano, con mezzo giro mette a nudo quattro comode tasche dove infilare anche il telefonino e con un altro mezzo giro mostra sull'altro lato un portello che nasconde un cassettino vero e proprio. È solo la punta dell'iceberg, perché la Ka è poi piena di vani e vanetti sparsi ovunque, portabottiglie e portalattine, tasche e anche un vano con coperchio a lato del sedile posteriore. Il prezzo è interessante, considerando che la Ka è un'auto moderna, progettata con intelligenza: e l'intelligenza, risorsa ormai scarsa, quasi da mercato nero, costa parecchio.

SPAZIO PER 4 All'interno, la Ka è sfruttata sino all'ultimo centimetro cubo e la sensazione è di grande spazio. Davanti si sta comodi come su una berlina e anche sui due sedilini posteriori c'è spazio a sufficienza per due persone di taglia normale che non toccano né con le ginocchia né con la testa. Gli schienali dei due sedili (reclinabili separatamente) si possono inclinare su due posizioni, per trovare il giusto equilibrio tra comfort e spazio nel bagagliaio (da 186 a 205 litri). A sedili abbassati, comunque, sulla Ka si carica anche una mountain bike con le ruote smontate.

AL VOLANTE Si trova subito la posizione più comoda, malgrado il volante non sia regolabile ma si possa soltanto registrare l'altezza del sedile. Dal posto di comando, la Ka è divertentissima da guidare, è facile e decisamente molto sicura. Si guida quasi senza impegnarsi, lo sterzo è diretto (4,2 giri per la sterzata completa senza servosterzo, 2,9 con servosterzo) ma preciso e la piccola con l'aspetto da auto della Barbie è in grado di entusiasmare anche gli amanti della guida aggressiva, che possono dare filo da torcere anche a vetture sportive.

DIVERTENTE COME UN KART La sua forma a piramide, le sue carreggiate larghe con le ruote montate sugli estremi le forniscono un equilibrio ottimo: su un percorso misto, con curve e controcurve, è meglio lasciar passare una Ka guidata da un piede pesante perché togliersi i suoi occhioni da insetto di dosso è molto difficile. Ma la Ka non è soltanto un'auto da città o un giocattolo divertente, e alla bisogna si trasforma anche in una perfetta auto da viaggio. Il suo motore 1.300 è brillante e potente (60 cavalli per 870 chilogrammi) e consente velocità di crociera di 160 chilometri l'ora tachimetrici (anche con il condizionatore inserito), sopportati apparentemente senza fatica e affondando appena il piede sull'acceleratore (con consumi ridicoli). Anche in velocità la Ka è confortevole come una buona berlina: è silenziosa e le sue sospensioni assorbono bene (e filtrano altrettanto bene) le irregolarità dell'asfalto. Raramente ci è capitato di entusiasmarci così per un'auto, soprattutto per una utilitaria.

di M.Corniche
15 giugno 1998


Pubblicato da Redazione, 01/08/2001
Gallery
Logo MotorBox