news

Anteprima: Peugeot 407 Sw


Avatar di Mario Cornicchia , il 06/12/03

17 anni fa -

In occasione del lancio mediatico della 407 berlina, Peugeot mostra le prime foto della wagon, con una coda dalla personalità forte. Che sembra anche pratica.

Se la berlina ha un frontale forte e una coda troppo tranquilla, la versione wagon della 407 mantiene le promesse della grande bocca simil-Ferrari anteriore. Lo stile è forte, molto personale, con il montante posteriore inclinato in avanti e la linea dei finestrini è molto sportiva e finisce con una punta orientata verso l’alto, da astronave. Uno stile sportivo, con il lunotto basso e anch’esso puntuto come puntute sono le luci, tirate verso il davanti.

Uno stile sportivo che sembra non trascurare la praticità. Il lunotto è sì basso ma anche piuttosto verticale, per non limitare la capacità di carico. E, a proposito di carico e di praticità, il portellone si spinge bene in basso fino scavare il paraurti, lasciando intuire operazioni di carico/scarico senza strappi e dolori lombari, con la soglia d’accesso a filo del piano di carico.

Vano di carico che sembra essere ben sfruttabile, se la SW adotta le medesime sospensioni multilink posteriori con ammortizzatori inclinati adottai dalla versione quattro porte: sulla berlina il trucco vale una larghezza di 110 centimetri, altezza di 50 e un volume di 407 litri. Pratica, funzionale e diversa dalle altre wagon. Chapeau, come dicono sotto la Torre Eiffel.

Lo stile dell’abitacolo è più elegante che sportivo

, con l’immancabile tocco hi-tech presente soprattutto nella consolle centrale, dominata dal grande schermo multifunzione. Grande attenzione a comfort e a praticità, con comodi vani, il cassetto refrigerato e altri spazi dove appoggiare piccoli e grandi oggetti.

Grande attenzione anche per il pilota con il sedile che, al pari di quello del passeggero, ha una seduta lunga e ampie regolazioni in lunghezza (240 mm) e in altezza (50mm) con regolazione lombare. Insieme alle regolazioni del volante, in profondità e inclinazione (40 mm su ciascun asse) dovrebbe garantire una posizione di guida davvero su misura. Il climatizzatore a "diffusione dolce" che diffonde l’aria grazie a nuova griglia nella parte superiore della plancia si prepara a garantire viaggi confortevoli.

Alla sicurezza pensano, invece, nove airbag, con l’airbag sotto il piantone dello sterzo per la protezione degli arti inferiori del pilota.

Le dimensioni non sembrano differire molto da quelle della versione berlina

, con cui condivide il pianale di gamma alta Peugeot, pari a 4 metri e 67 per 1 e 81 e con un passo di 2725 millimetri.

In comune con la berlina anche i cuori disponibili sotto il cofano, tre a benzina e uno a gasolio.

A benzina. Due litri, con distribuzione 16 valvole e valvola a farfalla motorizzata, da 100 kW (136 CV) e 190 Nm. E’ abbinato a un cambio manuale a cinque marce, o ad un cambio automatico autoadattivo a quattro rapporti tipo "Tiptronic System Porsche". 2.2 litri da 116 kW (160 CV) e 217 Nm, abbinato ad un cambio manuale a sei marce o ad un cambio autoadattivo a quattro rapporti con comando "Tiptronic System Porsche". 3 litri V6 da 155 kW (211 CV) e 290 Nm, con distribuzione a variazione continua (VTT) in fase di aspirazione e con un nuovo sistema di scarico bi-mode attivo per maggiori prestazioni agli alti regimi e un sound migliore. E’ associato al cambio automatico a sei rapporti, dotato di comando "Tiptronic System Porsche".

A gasolio, per ora soltanto il due litri

con filtro attivo antiparticolato (FAP) da 100 kW (136 CV) e 320 Nm, fino a 340 Nm grazie all’overboost. Euro 4, è associato ad un cambio meccanico a sei marce ed è equipaggiato con scambiatore aria/aria, Common Rail a 1 600 bar e turbocompressore a geometria variabile.

In arrivo nel prossimo futuro anche un 1.800 a benzina da 85 kW (117 CV) e 163 Nm e due motori a gasolio, il 1.600 con filtro attivo antiparticolato (FAP) da 80 kW (110 CV) e 240 Nm (fino a 260 Nm con overboost) e il V6 HDi 2.7 frutto della collaborazione Ford/PSA Peugeot Citroën. In arrivo anche nuovi cambi automatici.
Pubblicato da M.A. Corniche, 06/12/2003
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox