Autore:
Marco Rocca

MA NON ERA ESTATE IERI? Quando penso che i miei amici d’infanzia in Puglia stanno ancora facendo il bagno e io invece devo ricordarmi di montare gli pneumatici invernali, la tristezza prende il sopravvento. Ad ogni modo è il calendario (quello legislativo) che fa fede e allora tanto vale giocare d’anticipo.

CHI PRIMA ARRIVA… Che faccia freddo o no, dal 15 novembre scatterà di nuovo l’obbligo delle gomme invernali (M+S o invernali pure, con il simbolo del fiocco di neve). Per evitare di trovarsi con l’acqua alla gola ben oltre data, causa file interminabili dal gommista, muoversi prima può fare la differenza. Proprio per questo motivo già dal 15 ottobre (per legge c’è un mese di tolleranza) è possibile montare gli pneumatici invernali.

COSA DA SAPERE Se siete così lungimiranti da approfittare del momento di calma del gommista, è bene che teniate a mente un paio di consigli. Con le gomme invernali montate ma con le temperature ancora sopra la media stagionale, dovrete fare attenzione al consumo del battistrada. Non c’è nessun pericolo sia chiaro, solo evitate una guida da coltello tra i denti anche perché vi accorgerete che la tenuta sull’asciutto (per via del disegno del battistrada) può essere un po' inferiore a quella di un pneumatico estivo. In via più generale, poi, controllate sempre che la pressione sia quelle raccomandata dal costruttore. 

MAGARI CI SCAPPA LO SCONTO Montare con largo anticipo le gomme invernali si può tradurre anche in un risparmio di tempo e di denaro. Sarà più facile trovare posto per la sostituzione, senza rischio che le misure di pneumatici più diffuse siano magari esaurite e che ci si debba accontentare di una sottomarca. E chissà poi che non ci scappi anche uno sconticino speciale…


TAGS: gomme invernali pneumatici invernali m+s ordinanze pneumatici invernali gommista pressione pneumatici