Autore:
Andrea Gatti

S COME SPORT Punta dritto al cuore degli appassionati delle moto “adrenaliniche” il nuovo pneumatico Bridgestone Hypersport S20. Derivato dall’esperienza della Casa nipponica nella Moto GP, questo nuovo pneumatico è studiato per equipaggiare moto di media e grossa cilindrata (da 600 a 1.300 cc) e per soddisfare le esigenze di motociclisti che usano la moto su strada, ma non disdegnano qualche puntata in circuito. Il tutto senza rinunciare alla sicurezza sul bagnato. Insomma, la classica gomma sportiva stradale, quella che deve fare bene un po’ tutto, deve essere equilibrata, equipaggiare moto molto differenti tra loro (per pesi e prestazioni), gestire al meglio l’asfalto bagnato e resistere agli strapazzi in pista. Se c’è un prodotto difficile da progettare, è proprio questo.

BUONE PER TUTTO In soldoni: non saranno questi gli pneumatici che vi faranno fare il tempo in qualifica, ma vi consentiranno di girare nei track day senza problemi e, altrettanto senza problemi, vi faranno tornare a casa in sicurezza sotto un acquazzone. Troverete l’S20 come gomma di primo equipaggiamento sulla Honda CBR1000RR e sulla Suzuki GSX-R1000

EVOLUZIONI Le evoluzioni che Bridgestone ha apportato all’S20 vanno un po’ in tutte le direzioni. Come sempre accade nel campo degli pneumatici, ogni anno i limiti si spostano un po’ più avanti, cambiano i prodotti di riferimento e quando si arriva con qualcosa di nuovo deve essere inevitabilmente meglio di quanto offre il mercato.  Ma, intanto, Bridgestone un benchmark lo aveva già in casa: il BT016 Pro, pneumatico molto valido sotto molti punti di vista, versatile e ottimo anche in pista. Per migliorarlo i tecnici giapponesi hanno lavorato soprattutto a livello di disegno del battistrada e mescole.

NUOVE MESCOLE Se il lavoro fatto sul disegno è ben visibile da tutti, quello sulle mescole è sicuramente meno visibile ma non meno importante. Più che l’evoluzione delle mescole in sé (comunque c’è una nuovo polimero battezzato “nano pro tech”) è la loro distribuzione ad essere cambiata rispetto al BT016.

BIMESCOLA Giova infatti ricordare che l’S20 è un pneumatico bimescola, soluzione utilizzata sia per l’anteriore sia per il posteriore. La parte centrale del battistrada utilizza quindi una mescola più rigida per resistere meglio all’usura, mentre la parte laterale è più morbida per ottimizzare il grip. È quindi aumentata l’area della mescola morbida sul pneumatico anteriore, mentre è diminuita al posteriore con l’intenzione di avere un miglior compromesso grip/durata. In particolare Bridgestone ha lavorato parecchio per diminuire il tempo di warm up e offrire un grip ottimale anche alle basse temperature.

RADIALE E ACCIAIO Invariata invece la struttura delle carcasse che prevede la tecnologia radiale con cintura in acciaio a zero gradi con cavo pretensionato secondo la tecnologie MSB (mono spiral Belt) e HTSPC.

IN PISTA  In pista le S20 si sono trovate a proprio agio: buon livello di grip e ottimo bilanciamento tra anteriore e posteriore sono le prime caratteristiche che saltano all'occhio. Non sono gomme specialistiche, intendiamoci, ma rivelano comunque un livello di performance decisamente buono, gestendo anche le cavallerie delle 1.000 senza troppi problemi.

AVVISA QUANDO MOLLA In ogni caso, uno dei lati positivi delle S20 è la capacità di comunicare con il pilota l’avvicinarsi del limite. Il grip è rimasto consistente con tutte le moto per quasi tutta la durata del turno e quando calava lo faceva in modo progressivo con perdite di aderenza sempre assolutamente gestibili.

VELOCI MA NON TROPPO Sterzo sempre solido, e comportamento “rotondo” appartengono quindi al DNA delle S20, che sono delle gomme svelte ma non ipermaneggevoli. O, almeno, non lo sono fino alla fine dell’inclinazione concessa. Quello che si è notato, infatti, è che dopo una prima parte di discesa in piega rapida e convincente, arriva una seconda parte in cui occorre insistere con un po’ di forza.

SU STRADA Nessun problema, ovviamente, su strada, dove le S20 hanno dimostrato un potenziale nettamente superiore a quello che è consentito sfruttare su percorsi aperti al traffico. Le nuove Bridgestone hanno mostrato di sposarsi perfettamente anche con moto sport touring come la Z1000SX utilizzata per il giro stradale. Per dare un giudizio definitivamente positivo adesso manca solo un test: quello di durata.

Le misure delle Bridgestone S20 Hypersport

Anteriore

130/70ZR16 (61W) M/C

120/60ZR17 (55W) M/C

120/70ZR17 (58W) M/C
110/70ZR17 (54W) M/C

Posteriore

150/60ZR17 (66W) M/C

160/60ZR17 (69W) M/C

170/60ZR17 (72W) M/C

180/55ZR17 (73W) M/C

190/50ZR17 (73W) M/C

190/55ZR17 (75W) M/C

200/50ZR17 (75W) M/C


TAGS: bridgestone tutte le prove moto del 2012 s20