Autore:

BEST SELLER Come spesso accade nel mondo delle moto, l'ultima arrivata sul mercato fa la voce grossa con le altre. Nel caso della Honda CB 1000 R possiamo proprio dire che le altre devono temerla, anche come numeri visto che nel 2010 ha fatto praticamente il vuoto con 1560 pezzi venduti nei primi 6 mesi. Honda, con questa moto, ha fatto un lavoro davvero ottimo non solo dal punto di vista del design, (basta guardare il monobraccio per capirlo) ma soprattutto dal punto di vista dinamico, frangente in cui la CB 1000 R spicca in assoluto sulle sue due concorrenti giapponesi ma anche su qualche europea.

CAVALLI BUONI La CB 1000 R non la butta sulla potenza pura, la cavalleria non è al top, ma i suoi 128 cavalli sono tutti buoni e dove la Honda fa la differenza è nell'erogazione. Un motore pieno di coppia, brillantissimo ai bassi che la rende molto vivace e reattiva nel rispondere ai comandi dell'acceleratore nel primo quarto di gas, proprio quello che la gente si aspetta da moto come questa e quello che dà più gusto quando si guidano le naked. E chissenefrega se i cavalli non sono tanti, quando la guidi capisci che i cavalli che ha ti bastano e avanzano.


SNELLO È MEGLIO Anche dal punto di vista ciclistico la CB 1000 esce vincente dal confronto, la rinuncia al pneumatico da 190 in favore di un 180 toglie un po' di scenografia al posteriore (e fa risparmiare anche un po' di soldi al ricambio) ma allo stesso tempo la privilegia su strada rendendola agilissima e molto ben bilanciata. Assistita da sospensioni valide, scorrevoli e tendenzialmente morbide, la Honda si muove tra le curve con grande agilità.

MONOBRACCIO UN PO' PESANTE Solo il grosso monobraccio denuncia un po' di inerzie superiori alla media trovandosi talvolta in ritardo nel seguire i movimenti delle moto e della strada. I freni sono ottimi, pastosi e potenti, l'angolo di sterzata il migliore, solo qualche finitura non è all'altezza della Yamaha (come le brutte viti di fissaggio del serbatoio che hai proprio li sotto al naso o il manubrio dal diametro striminzito), complessivamente però la CB 1000 centra in pieno il bersaglio.