Autore:
Stefano Cordara

LA PATRIA DEL TRIAL Poche case al mondo possono vantare una tradizione e una capacità di realizzare moto da Trial come la toscana Beta. A Rignano sull'Arno posseggono una conoscenza tale dell'argomento da porsi permettere di costruire una moto completa, motore compreso. L'anno scorso la EVO (motorizzata sia 2T che 4T) si è infatti rivelata come una moto rivoluzionaria e ha portato in dote una lunga serie di innovazioni che l'hanno posta all'avanguardia del settore.

EVO(LUZIONE) Per il 2010 non ci sono stravolgimenti, vista la freschezza del progetto, ma solo affinamenti di dettaglio per rendere la moto ancora più competitiva e affidabile. Le modifiche sono figlie dei suggerimenti dei piloti ma anche dei normali clienti che usano la moto per divertimento.

DETTAGLI CHE CONTANO In questo senso si capisce il perché dell'arrivo di un nuovo radiatore con il bocchettone di rifornimento riposizionato sotto al cannotto per ripararlo da eventuali urti (richisto proprio dai clienti, che evidentemente hanno sperimentato direttamente…). Dai piloti arriva invece il nuovo setting delle sospensioni, messo a punto per migliorare la sensibilità di guida e una modifica alla raggiatura posteriore per poter migliorare la tenuta, visto che la EVO monta un pneumatico Tubeless per limitare al massimo i pesi. La 2T riceve anche una nuova taratura del carburatore. La EVO 2T sarà sul mercato entro la fine di luglio, la 4T arriverà a settembre bella novità, il listino non cambia le due moto costeranno come le attuali.


TAGS: beta evo 2010 eicma 2009