Autore:
Andrea Minerva

DUE VALLI E UNA CORONA  E’ finito il tempo dell’attesa, delle previsioni e dei pronostici. Ora, saranno la gara e il cronometro gli unici giudici autorizzati ad emettere il giudizio finale, quello che deciderà il nome del campione italiano rally 2017. Per il secondo anno consecutivo sarà il Rally Due Valli,con sede nella città di Verona e uno dei “grandi classici” del rallysmo nostrano, a stabilire chi potrà fregiarsi dell’alloro tricolore.I nomi sono tre: Paolo Andeucci (Peugeot 208 T16 R5 – Peugeot Sport Italia), Simone Campedelli (Ford Fiesta R5 – team Orange1 racing) e Umberto Scandola (Skoda Fabia R5 – Skoda Motorsport Italia). I primi due sono favoriti dalla classifica generale che li vede attualmente al primo e al secondo posto. Per la precisione, “Ucci” ha 84,50 punti, Campedelli 76. Scandola è più distanziato, a quota 71, ma non ancora tagliato fuori dai giochi, e il motivo è presto detto. Il punteggio assegnato al Rally Due Valli avrà un coefficiente di 1,5, che tecnicismi a parte e in parole povere, si traduce nell’assegnazione di un punteggio più elevato rispetto alle altre gare. Nello specifico, ognuna delle due tappe assegnerà 11,25 punti al vincitore, 9 al secondo, 7,50 al terzo, 6 al quarto e 4,50 al quinto. E non è finita qui, la somma dei tempi delle due giornate servirà a stilare una classifica generale del rally che darà 3 punti al vincitore e rispettivamente 2 punti e 1 punto al secondo e al terzo. In soldoni, potenzialmente se qualcuno dovesse fare l’en plein nelle due giornate di gara porterebbe a casa qualcosa come 25,50 punti. Un’enormità! E’ ovvio che i giochi sono decisamente aperti e che i tatticismi, almeno per ora, valgono ben poco. Non da ultimo va ricordato che tutti i piloti del Campionato Italiano Rally sono costretti per regolamento a scartare i due peggiori risultati della stagione. Campedelli e Scandola lo hanno già fatto, avendo loro malgrado già conteggiato almeno due ritiri mentre Andreucci, allo stato attuale delle cose, dovrebbe ancora togliere 3 punti dalla propria classifica.

IL… QUARTO INCOMODO  Come se non bastasse, il Rally Due Valli, nonostante un menù da banchetto nuziale,mette nel piatto un ingrediente in più che corrisponde al nome di Luca Rossetti, neo campione Irc 2017 e già tre volte campione europeo non che campione italiano nel 2008 con Peugeot Italia. Al suo fianco, oggi come allora, il “naviga” Matteo Chiarcossi. I due saranno in gara con una Skoda Fabia R5 della P.A. Racing gommata Pirelli, ed è ovvio che la loro presenza peserà sull’andamento del rally e sulla classifica finale diventando potenzialmente un elemento decisivo nella lotta serrata e all’ultimo respiro per l’assegnazione dello scudetto tricolore 2017.

PARTERRE DI TUTTO RISPETTO  Quella di Rossetti e Chiarcossi, anche se di assoluto prestigio, non è l’unica presenza che andrà ulteriormente ad arricchire i già straordinari contenuti di questo Rally Due Valli. Al via troveremo anche ElwisChentre con la Hyundai i20 R5, già in gara al “Ciocco” e al “Sanremo”, Luca Panzani, all’esordio con una Ford Fiesta R5 dopo aver disputato la prima parte della stagione con una Peugeot 207 S2000 e Marco Pollara e Giuseppe Princiotto, freschi vincitori del titolo italiano junior 2017 con la Peugeot 208 R2 di Peugeot Sport Italia e proprio per questo premiati dal marchio del Leone con la possibilità di partecipare al Rally Due Valli con una Peugeot 208 T16 R5 ufficiale. In totale, saranno 10 i bolidi di classe R5 a prendere il via. Una garanzia assoluta di spettacolo!

PERCORSO TOSTO E IMPEGNATIVO  Non solo Andreucci, Campedelli e Scandola dovranno contendersi il titolo di campione italiano metro dopo metro, secondo dopo secondo, ma lo dovranno fare in uno dei rally storicamente più impegnativi e tecnicamente difficili di tutta la stagione.Tutto avrà inizio venerdì sera (13 ottobre) alle 19.05, quando, dopo lo start ufficiale da Piazza Bra nel centro storico di Verona, si disputerà la prima delle due prove spettacolo previste nel corso del rally. In questa edizione, l’ambientazione di questo primo tratto cronometrato sarà inedita e ambientata nel parcheggio del Palazzetto dello Sport di Verona. La prima tappa, o se preferite gara 1, si svilupperà nella giornata di sabato (14 ottobre) con sette prove speciali, con passaggi doppi delle prove “Roncà”, “Cà del Diaolo” e “Santissima Trinità” oltre alla ripetizione della prova spettacolo del giorno precedente. La prima tappa proporrà 90km e 370 metri di prove speciali. La giornata conclusiva di domenica (15 ottobre)sarà contrassegnata da ben otto tratti cronometrati, con i passaggi doppi delle prove “Marcemigo”, “Tregnago”, “San Mauro di Saline” e “San Francesco”. I km validi per il cronometro e la classifica saranno in questo caso 88, 580L’arrivo del rally è previsto alle 17.30 di domenica ancora una volta in piazza Bra , lì dove finalmente verrà festeggiato l’equipaggio campione italiano rally 2017.

APRIPISTA IRIDATO  IlRally Due Valli si fregerà anche della presenza di un’autentica leggenda del rally italiano e mondiale: Miki Biasion. Il due volte campione del mondo, nel 1988 e 1989, svolgerà il ruolo di apripista nella serata di venerdì prima della prova spettacolo “Città di Verona” alla guida di una 124 Abarth. L’occasione è davvero allettante e propizia per vedere all’opera uno dei campioni più amati e apprezzati dell’automobilismo e del mondo del rally oltre che assistere ad una gara che si preannuncia come una delle più emozionanti e vibranti di sempre.


TAGS: paolo andreucci anna andreussi skoda fabia r5 Umberto Scandola Peugeot 208 T16 R5 Peugeot Sport Italia guido d'amore Simone Campedelli Ford Fiesta R5 cir 2017 campionato italiano rally 2017 rally due valli 2017 team orange1

Allegato Dimensione
Il programma del Rally Due Valli.pdf 333 Kb
Tabella distanze e tempi - Rally Due Valli.pdf 540 Kb
Elenco iscritti Rally Due Valli.pdf 212 Kb
Cartina del percorso - Rally Due Valli.pdf 5768 Kb
Cir 2017 - classifica assoluta conduttori.pdf 122 Kb