Autore:
Andrea Rapelli

CONCENTRATO DI PIACERE Le sensazioni più genuine aumentano con il passare degli anni: la Mazda MX-5 si può paragonare ad un buon vino, che migliora invecchiando. Questo vale sopratutto per le NA perché i limiti si abbassano notevolmente rispetto alle più recenti NC ma, in cambio, avrete la possibilità di sentire al meglio tutto ciò che l'auto avrà da dirvi, dall'inizio alla fine della curva. Una sorta di kart, senza prestazioni al fulmicotone ma leggero e con una dinamica quasi da auto da corsa.

BILANCIATA In effetti tutte le MX-5 hanno ripartizione dei pesi perfettamente bilanciata tra i due assi, trazione posteriore, un bisturi al posto dello sterzo e un cambio che scorre preciso e secco come l'otturatore di una Walter PPK. Senza dimenticare motori simili a muli, a cui piace comunque girare alto. Le più recenti NC sono sempre divertenti, vanno decisamente più forte ma in un certo senso hanno raggiunto una maturità sconosciuta alle nonne, soprattutto a causa dei kg in eccesso che si portano dietro. Ragionamenti da talebani della guida, in ogni caso: se l'idea di guidare all'aria aperta v'intriga, il limite alla vostra fantasia è dettato solo dalla possibilità economica e dai vostri personalissimi gusti.


TAGS: mazda mx-5 guida mazda mx-5 guidare usato