Autore:
Paolo Sardi

NIENTE DOPING

Storico braccio armato della BMW nel settore del tuning "ufficiale", la Alpina ha da poco dato alla luce una nuova creatura. Si tratta della Roadster S, che rappresenta un remake in chiave ipersportiva della Z4. Come tradizione vuole, questa spider non fa però ricorso ad anabolizzanti: i muscoli ci sono, eccome, ma sono ben nascosti sotto il vestito da auto (quasi) per bene…

CRESCONO LE ALI

La Roadster S non è quindi particolarmente vistosa né sfacciata. Per distinguerla dalla cugina più posata occorre anzi che l’occhio indugi a lungo sulle appendici aerodinamiche. Solo così ci si può accorgere che gli spoiler sono un po’ più pronunciati e che in quello anteriore la presa d’aria è ora divisa in tre parti. Per il resto si ritrovano le linee particolarissime della Z4, in cui i tratti tondeggianti si alternano agli spigoli vivi, le superfici concave ad altre convesse, in un insieme che non vuole comunque rinunciare ad essere anche elegante.

COME TOPOLINO

Dove la caratterizzazione sportiva è più evidente è invece nell’abitacolo. Per trattenere il busto e le gambe nel misto più tormentato i sedili hanno una profilatura laterale grande come le orecchie di Topolino e il loro rivestimento in pelle è impreziosito dal fiero stemma Alpina ricamato sugli schienali.

COLORI SOCIALI

Il marchio di fabbrica è ben evidente anche in altri dettagli. La strumentazione riprende i colori sociali, con uno sfondo blu e grafiche bianche e rosse, così come rosse sono anche le cuciture del rivestimento del volante. Una grande attenzione per i particolari, dunque, confermata anche dalla civettuola presenza di un targhetta argentata con inciso il numero identificativo dell’esemplare.

PROMETTE E MANTIENE

Se dunque l’occhio ha la sua parte, anche il piede destro ha di che gioire. Pronti a scatenarsi al suo comando vi sono infatti ben 300 cavalli, erogati a 6300 giri dal sei cilindri da 3.4 litri che già equipaggia da tempo altri modellli dell’atelier di Buchloe. Complici una coppia massima di 362 Nm e il raffinato cambio ravvicinato ZF a sei marce realizzato su specifiche Alpina, la Roadster S ha prestazioni da vera supercar.

BEI NUMERI…

La sua velocità massima è di 265 km/h, che possono però salire fino a 270 quando è montato l’hard top. La pratica del passaggio 0-100 km/h viene invece liquidata in soli 5,3 secondi, con l’asfalto che sembra volersi arricciare dietro i pneumatici. Prestazioni, tra l’altro, davvero godibili, visto che questa Alpina ha un fisico bello asciutto e ha un’ottima distribuzione dei pesi tra avantreno e retrotreno. I suoi 1320 chili a secco sono ripartiti con un bel 50/50, giusto per non fare torto a nessuno…

PRESTO DA NOI 

La Roadster S è già venduta in alcuni altri Paesi europei e presto sarà possibile acquistarla anche in Italia. La Carzeta, che segue il marchio Alpina per il nostro mercato, inizierà a importarla attorno alla metà di marzo a un prezzo vicino ai 58.000 euro. Vista la grande (e per molti versi giustificata) antipatia dei tutori dell’ordine per elaborazioni e tarocchi selvaggi, una belva legalizzata come questa farà certo piacere agli amanti del genere.

TAGS: bmw alpina roadster s