Autore:

La strategia delle Case in tempi di crisi parla chiaro: lavorare di lima sui motori per far sì che consumi ed emissioni si mettano un pochino a dieta. Magari quel tanto che basta per raggiungere la fatidica soglia degli ecoincentivi, aiutino fondamentale per dare una sana spintarella alle vendite.

Così, dal prossimo mese l'Audi A4 arriverà nelle concessionarie con un motore 2.0 diesel (2.0 TDIe) ritoccato tanto da scendere sotto i 130 g/km con le emissioni (124 per l'esattezza) e dichiarare un consumo medio quasi francescano (4,8 litri ogni 100 chilometri). 136 cv è invece la potenza massima erogata, che permette di raggiungere i 100 km/h in 9,5 secondi e tocca il picco di velocità di 215 km/h.

Tanta efficienza deriva dall'apporto combinato di diversi dispositivi di serie: il sistema start&stop, un cambio manuale a 6 rapporti (di cui quello finale allungato del 5% per ridurre i regimi di rotazione del motore in ciascuno dei rapporti), il sistema di recupero dell'energia cinetica e un computer di bordo con indicatore di cambiata. Fanno la loro parte anche migliorie aerodinamiche quali il rivestimento del sottoscocca e la parziale chiusura della griglia del radiatore.

La A4 2.0 TDIe sarà disponibile anche con carrozzeria Avant. Costerà di listino 35.230 euro, 2.450 in più della versione berlina.


TAGS: audi a4 a4 avant motore.