Autore:
Gilberto Milano

CAMBIO AL VERTICE L'evoluzione rispetto alla serie attuale è profonda. Lo spirito resta forse quello originario, di "Recreational Activity Vehicle with 4 wheel drive" ovvero veicolo a quattro ruote motrici per attività ricreativa, ma il taglio sembra essere leggermente più stradale, anche se la Rav4 non si può certo ancora definire una crossover. Per quanto compatta e addolcita, Suv era e Suv resterà.

PANCIA IN DENTRO

Il frontale ha una linea pulita, resa muscolosa dal motivo che scende dai montanti del parabrezza per andare ad abbracciare la mascherina, alta e solcata da due listelli cromati. Oltre che da due fari ampi, sistemati all'estremità laterale fino integrarsi con i passaruota, e un paraurti massiccio con una presa d'aria che riprende il motivo dei due listelli della calandra ma al contrario, giocando con i vuoti come se si trattasse di un'immagine in negativo.

FIANCHI IN VISTA Anche le fiancate hanno un'aria atletica

, con una superficie leggermente concava come se stessero trattenendo il fiato per mettere meglio in evidenza i passaruota e le modanature sottoporta. Poca la superficie vetrata, resa tale da un andamento della linea di cintura che, verso la coda, punta decisamente verso l'alto. La forma del terzo montante e della parte finale del padiglione paiono richiamare invece la Corolla Verso, da cui arriva anche la terza fila di sedili a scomparsa.

ARIA DI FAMIGLIA

Il posteriore mostra anche lui fianchi piuttosto larghi, proprio all'altezza delle luci. Una soluzione, questa, non esasperata come sulla Aygo ma che per certi versi l'avvicina più alla nuova Yaris, con cui ha condiviso la passerella a Francoforte.

INGRASSATA Nel 2006

la possibilità di disporre a richiesta di sei, forse sette sedili e non più solo di cinque, sono invece il segnale di una avvenuta dieta all'ingrasso che ha colpito anche questa compatta Honda. Le misure infatti crescono: la Rav4 2006 è più lunga di 14,5 cm della precedente e raggiunge ora una lunghezza complessiva di 4,395 metri, il  passo che cresce di 7,0 cm e raggiunge i 2,56 metri, e aumenta anche la larghezza (+8,0 cm) ora di 1,815 metri. Scende, di 1,2 cm, solo l'altezza, ora di 1,68 metri. Sorprendente, con queste misure, il diametro di sterzata di 10,2 metri, indice di una grande agilità e praticità di guida.

PIU' SPAZIO Di tutto ciò se ne avvantaggia in particolare il comfort interno, che presenta una lunghezza dell'abitacolo ai vertici della sua categoria (1,885 m, +1,5 cm rispetto all'attuale), oltre a un maggiore spazio laterale. L'incremento dello sbalzo posteriore porta a un maggiore spazio per i bagagli, ora di 450 litri (+25%), più altri 63 litri ricavati sotto il pavimento.

DIESEL D'ATTACCO Per quanto riguarda la presenza sotto il cofano del motore turbodiesel D-CAT, non ci sono dubbi: a muovere la nuova Rav4 sarà il 2.2 D-4D con due livelli di potenza: da 136 cv (100 kW) o da 177 cv (130 kW). Entrambi abbinati a un cambio a sei rapporti. Il primo con una velocità massima di 180 km/h e un tempo di accelerazione 0-100 km/h di 10,5 secondi, con un consumo medio di 15 km/l; il secondo con una velocità massina di 200 km/h, un tempo di 9,3 sec nel 0-100 km/h e un consumo medio di 13,9 km/l. Fuori dal comune la coppia massima: di 310 Nm tra i 2.000 e i 2.800 giri per il 136 cv e di 400 Nm tra i 2.000 e i 2.600 giri per il 177 cv.

ANCHE A BENZINA Per chi invece desidera un motore a benzina, la nuova Rav4 avrà a disposizione una evoluzione del 2.0 litri VVT-i da 152cv (112kW), 195 Nm di coppia massima, capace di 185 km/h di velocità massima, 10,6 secondi nel 0-100 km/h, e un consumo medio di 11,4 km/l. Dati riferiti all'abbinamento con il cambio manuale a cinque rapporti, mentre peggiorano un pochino se il cambio è automatico.

INTEGRALE Il comportamento su strada è affidato al sistema VSC+ integrato con un sistema elettronico di trazione integrale, una novità nel segmento. Il VSC+ integra infatti le funzioni dell'ABS, del controllo di stabilità (VSC) e del servosterzo elettronico consentendo un maggiore controllo della vettura in curva e in frenata, oltre che in funzione delle condizioni stradali e del tipo si guida del pilota.

SOLO NEL 2006 Ridisegnate completamente le sospensioni anteriori tipo McPherson, mentre interventi sostanziali sono stati portati a quelle posteriori. Attesa anche con carrozzeria a tre porte, la nuova Rav4 entrerà in produzione nel corso dell'autunno e arriverà nelle concessionarie nella prima metà del 2006.


TAGS: toyota rav4 2006