Autore:
Luca Cereda

SAPORI ANTICHI Ritorno di fiamma per le berline? Beh, non esageriamo. Ma è un dato di fatto che il 2016 porterà due importanti novità in un segmento ultimamente un po’ snobbato dai palati europei: la nuova Fiat Tipo e la Kia Optima, che debutterà in Europa anche in versione Plug-in Hybrid.

CINQUANTA A ZERO Berlinona dalle dimensioni importanti (485 cm), la Kia Optima punterà forte sul comfort a bordo e, declinata ibrida, sulle prestazioni dell’accoppiata motore termico ed elettrico. Quest’ultimo ha una potenza di 50 kW e, alimentato da un pacco batterie dalla capacità di 9,8 kWh, può spingere la Kia Optima Plug-in Hybrid in modalità puramente elettrica per un massimo di 50 km. Dopodiché, per ridare linfa alla batteria occorrerà allacciarsi a una presa della corrente – l’aggancio, sulla Optima, è integrato al parafango anteriore. Se ci si attacca a una presa Type2 (da 240 Volt), il pit-stop dura solo mezz’ora.

FUTURO COL BAULE Il motore termico è invece un 2.0 litri GDI da 156 cv e 189 Nm di coppia, che, abbinato all’elettrico, produce 205 cv di potenza di sistema, trasmessa alle ruote da un cambio automatico a 6 marce, con l’unità elettrica inserita al posto del convertitore di coppia tradizionale. Per il momento non si dispone ancora dei dati di consumo e di emissioni della Optima Plug-in Hybrid, che debutterà sul mercato nel corso del nuovo anno. Negli stessi mesi, Kia dovrebbe presentare ulteriori sviluppi della gamma Optima, su tutti la variante station wagon.


TAGS: kia optima Kia Optima Plug-in Hybrid novità auto 2016 auto coreane