Autore:
Gilberto Milano

LE RAGIONI DEL CUORE Crisi di idee o ricerca di nuovi talenti? Forse tutte e due, vista la volontà di cambiamento e di rinnovamento che serpeggia a Maranello. O, forse, molto più semplicemente, un nuovo modo di fare head hunting per poter valutare sul campo i potenziali futuri stilisti di Casa. Il fatto che lo scorso gennaio fa la Ferrari abbia chiesto ai migliori allievi di quattro tra le più celebrate scuole di design internazionali di disegnare "i nuovi Concept del Mito", qualche domanda l'aveva comunque sollevata. Anche se non è una novità nel settore auto: la Peugeot per esempio sono diversi anni che indice concorsi simili e premia il vincitore con la realizzazione in scala reale della concept vincente.

I TOP VENTI Il concorso, indetto con la collaborazione della Pininfarina con il supporto della Alcoa, l'azienda che produce i telai in alluminio per la Ferrari, ha coinvolto il Center for Creative Studies di Detroit, il Coventry School of Art and Design, l'Istituto Europeo di Design di Torino e il Tokyo Communication Arts. Gli allievi selezionati, 20 in tutto, si sono quindi cimentati nella realizzazione di maquette in scala 1:4 che oggi sono diventati realtà ed esposti alla galleria Ferrari di Maranello (guarda le immagini nella gallery).

LA GIURIA Oltre che al pubblico i lavori saranno sottoposti al giudizio di una giuria di addetti ai lavori composta dal team Ferrari, la squadra che decide lo stile delle vetture di Casa (che dal 14 novembre sarà guidata dall'Italiano Donato Coco proveniente dalla Citroën e che annovera tra i suoi esponenti Luca di Montezemolo, Piero Ferrari, Jean Todt, Amedeo Felisa e Massimo Fumarola), e dal top management Pininfarina, del quale fanno parte Sergio e Andrea Pininfarina e Ken Okuyama.

OBIETTIVO RAGGIUNTO? Gli autori dei quattro migliori lavori potranno fare uno stage presso la Ferrari o la Pininfarina mentre il vincitore del premio Alcoa vedrà realizzato il suo modello in alluminio. Spirito del concorso era quello di proporre e stimolare alternative in chiave moderna alle Ferrari di oggi e di ieri in assoluta libertà creativa. Fermo restando che i lavori dovevano possedere in modo riconoscibile le caratteristiche e i valori del marchio di Casa. Ci sono riusciti? Sono così innovativi questi lavori? Quali premiereste se foste voi nella giuria?

GUARDALE DA VICINO


368 Street Racer
450 GT
595 Daytona
612 Lafayette
650 Berlina Sportiva
Ascari
Testarossa
Spirale
Scabro
Rosa Corsa
Millechili
Lauda
Fiorano
Fiorano 2
F Zero
Due Masse
Chiaroscuro
Avanti
Vigore
Trediviso