Autore:
Stefano Cordara

Una faccia da RSV, e tanta tecnologia dentro. Per ora è pronto solo per saggiare le impressioni della gente, ma il Leonardo 500 è senz’altro un prodotto destinato a far discutere. Prima di tutto per le scelte decisamente controcorrente. Tutti scelgono il quattro tempi? Aprilia punta ancora sul due tempi, scelta naturale per un piccolo cinquantino un po’ meno se il motore di cui si parla è un 500 cc. Aprilia crede nel Ditech e porta avanti questa strada. Così la cosa più sorprendente del Leo 500 è proprio il motore monocilindrico a due tempi raffreddato a liquido capace di ben 50 cavalli di volare a 170 km/h e di bruciare i 400 metri da fermo in 12,5 secondi, ma anche di percorrere 38 km con un litro. Insomma un vero 2T rivoluzionario.

Non da meno sono le scelte per la ciclistica. Il monocilindrico a 2 tempi, raffreddato a liquido. Utilizza la tecnologia a iniezione elettronica DITECH già sviluppata da anni a Noale e impiegata con successo sulle piccole cilindrate a 2 tempi. Tecnologia che su Leonardo 500 si sarebbe addirittura evoluta fino a rispettare addirittura le normative Euro 3… non male per un motore due tempi solitamente giudicato "puzzolente ed inquinante". Uno scooter un po’ moto: il motore è fissato centralmente al telaio e dispone di una trasmissione CVT con variatore a controllo elettronico e due diversi programmi di guida: - Continua (comfort).- Sequenziale (guida sportiva). Ciò ha permesso anche di utilizzare una trasmissione finale a cinghia dentata in gomma.

Altra "chicca" di questo scooter è il telaio. La parte strutturale (a vista) è in alluminio e ciò origina una rigidezza torsionale superiore del 50% mentre flessionale addirittura del 70%. Come sospensione posteriore i progettisti hanno optato per un monoammortizzatore a doppia regolazione lavorato da uno scenografico forcellone monobraccio. Canonica per Aprilia la terna di dischi. Di serie, il dispositivo di frenata integrale, mentre a richiesta è disponibile il sistema ABS di anti bloccaggio delle ruote.  La ruota anteriore è da 15", mentre la posteriore da 14".

Il quadro strumenti del Leonardo 500 è estremamente moderno. Il display è a matrice grafica, quale interfaccia allo scambio di ogni informazione utile a chi viaggia, tramite cellulare, e/o GPS (info su traffico, turistiche, ecc.). I vostri commenti saranno importanti per decidere del futuro di questo scooter.


TAGS: aprilia leonardo 500