Dati ANCMA

Luci e ombre sul mercato moto 2014


Avatar Redazionale , il 03/09/14

7 anni fa - Ancora segno negativo su agosto ma bene nella prima parte dell’anno

Agosto negativo per il mercato delle due ruote ma il bilancio dei primi otto mesi del 2014 si chiude con un più. Significa che la grossa mole di novità presentata lo scorso anno, in fin dei conti, è stata apprezzata

STORIE DI NUMERI Non sarà il pezzo del secolo ma analizzare i dati del mercato moto e interpretarli fa capire abbastanza bene quali sono le tendenze e, quindi, in che direzione si muoveranno le Case moto nel futuro più prossimo. Perché, se è vero che, ormai, il mercato italiano è una piccola goccia in un mare ben più grande, è anche vero che, nonostante il momentaccio, le Case vedono tuttora l’Italia come una vetrina imprescindibile. Ecco quindi i numeri del mercato due ruote italiano, con un paio di considerazioni.

MEGLIO MA ATTENZIONE… Se si analizza solo il mese di agosto (moto e scooter assieme), la flessione è importante: -16,5% rispetto al 2013 (7.210 pezzi, dei quali 2.076 sono moto, che segnano -13,5%, e 5.134 pezzi sono scooter, che invece segnano -17,6%). Va però tenuto presente che agosto pesa solo il 5% sul totale delle vendite annuali. Infatti, rispetto all’anno passato, i primi otto mesi sono decisamente più incoraggianti: si contano infatti 122.152 pezzi, che significa +1,4% (praticamente invariati gli scooter, 77.700, mentre le moto sono 44.453, ossia +4,1%). Cosa significa? Che proporre prodotti innovativi paga: non a caso le Yamaha MT-09 e 07 sono nella top ten delle moto più vendute. Attenzione però a non farsi fregare: perchè se è vero che si è fatto meglio (finora…) rispetto all’anno scorso, è pur vero che per fare peggio del 2013 ci si sarebbe dovuti impegnare. Peraltro, siamo a poco più di metà anno, meglio stare abbottonati… Proseguono nella loro discesa le vendite dei cinquantini: 1.739 pezzi immatricolati in agosto, con un -22,4%.

LE MOTO Passando al settore moto, il mese di agosto ha una nuova regina: la Honda NC700/750X, che ha finalmente spodestato sua maestà la BMW R 1200 GS. Si parla di 92 pezzi contro 83. A seguire ci sono le due nuove roadster di Iwata, la Yamaha MT-07 prima e la 09 poi, con 57 pezzi la prima e 46 la seconda. Se invece si guardano le vendite da gennaio ad agosto e si studiano i settori, si nota come le moto oltre il litro di cilindrata facciano segnare un deciso segno positivo: 15.215 pezzi, ossia +15,1%. Gran parte del merito va di sicuro alla BMW GS, presente sul mercato anche in versione Adventure. Seguono le cilindrate intermedie 800 - 1.000 cc: 11.125 pezzi e +5,5%. Sempre a scalare seguono le più piccole 650 – 750: 9.124 pezzi e un aumento del 4,7%. Male le 600: solo 611 vendite, con un record negativo di -64,9%. Scendendo di cilindrata la situazione migliora, anche per il mare di novità in questo settore: le cilindrate tra i 300 e i 500 cc hanno venduto 4.332 pezzi, ossia +13,9%. Sotto però va male di nuovo: le 150 - 250 cc segnano 1.495 moto (-7,2%), mentre le 125 sono in calo drastico: 2.551 pezzi, ossia -16,9%.

VEDI ANCHE

SEGMENTIAMO Se invece delle cilindrate si analizzano i generi, sempre a partire da gennaio, si nota come le naked abbiano superato le maxi enduro, sia come numeri assoluti sia in termini di percentuale: 15.174 pezzi e +19,5% contro 14.796 e +6,3%. Anche questo è segno del fatto che, dopotutto, se le Case propongono tante novità in un certo settore, nello specifico quello delle naked, non lo fanno a caso ma perché hanno fiutato una tendenza in anticipo. Seguono, molto alla lontana, le custom (4.818 pezzi) le touring (3.898 pezzi) e le ormai sempre-più-di-nicchia moto sportive: solo 2.677 pezzi, che significa un preoccupante -26%.

GLI SCOOTER Passando dalle moto agli scooter, cerco di fare la stessa analisi. Analizzando agosto su agosto, non ci sono novità: i numeri sono pressochè identici in termini assoluti, con sua maestà l’Honda SH (in ordine 150, 300 e 125) che domina la scena con prepotenza: se si mettono assieme, fanno 963 pezzi in un solo mese. Interessante il nuovo arrivato, lo Yamaha Tricity, in sesta posizione a quota 204 pezzi. Che sia la svolta dei tre ruote? Forse… Analizzando invece i dati da inizio anno, anche qui non ci sono sorprese: le prime tre caselle sono identiche a quanto visto in agosto (Honda SH nelle sue tre cilindrate). Guardando nel complesso il mercato, però, emerge che sono gli scooter con cilindrata compresa tra i 300 e i 500 cc ad avere maggiore successo: 25.870 pezzi che significa +2,8%. A seguire i 125 cc con 25.009 pezzi e + 4,1%, i 150 e 200 cc (17.211 pezzi e -8%) e i maxiscooter oltre i 500 cc: 6.269 pezzi, ossia -9%. In fondo troviamo i 250, che tuttavia guadagnano terreno: 3.340 pezzi e +13,6%.

QUINDI? Quindi, cosa significa tutto questo calderone di numeri? Analizzando il minestrone completo, mi viene da pensare che la prima parte dell’anno sia in positivo grazie soprattutto alle novità presentate. Si spera tuttavia che questo entusiasmo non si esaurisca troppo presto e ci sia un ultimo colpo di coda. Premiati soprattutto l’audacia e la voglia di innovare, come nel caso di Yamaha con le sue nuove MT e il Tricity, da subito protagonista nella classifica scooter. Di certo, i premi assicurativi ai massimi storici non aiutano ad alimentare le moto di media-grossa cilindrata… Ecco la top 30 delle due ruote più vendute da questo gennaio:

1 Honda SH 150: 6.122 pezzi
2 Honda SH 300: 5.022 pezzi
3 Honda SH 125: 3.834 pezzi
4 Piaggio Beverly 300: 3.661 pezzi
5 BMW R 1200 GS: 2.881 pezzi
6 Yamaha TMax: 2.722 pezzi
7 Kymco Agility 125: 2.699 pezzi
8 Yamaha XMax 400: 2.429 pezzi
9 Piaggio Liberty 125 3V: 2.250 pezzi
10 Honda NC700/750X: 2.222 pezzi
11 Yamaha XMax 250: 2.094 pezzi
12 Honda Integra: 2.008 pezzi
13 Piaggio Vespa GTS 300 Super: 1.776 pezzi
14 Piaggio Beverly 350: 1.727 pezzi
15 Kymco Downtowon 300: 1.599 pezzi
16 Yamaha MT-07: 1.590 pezzi
17 BMW R 1200 GS Adventure: 1.519 pezzi
18 Kymco Agility 200I: 1.506 pezzi
19 Yamaha MT-09: 1.498 pezzi
20 Kymco People One 125: 1.492 pezzi
21 Piaggio Vespa Primavera 125 3V: 1.470 pezzi
22 Yamaha Xenter 150: 1.463 pezzi
23 Kymco XCiting 400: 1.410 pezzi
24 Honda Forza 300: 1.240 pezzi
25 Piaggio Liberty 150 3V: 1.114 pezzi
26 Honda SH Mode 125: 965 pezzi
27 Kawasaki J300: 926 pezzi
28 Honda PCX 125: 824 pezzi
29 Ducati Hypermotard/SP/Hyperstrada: 787 pezzi
30 Piaggio Vespa Primavera 150 3V: 761 pezzi


Pubblicato da Alessandro Codognesi, 03/09/2014
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox