Autore:
Giulio Scrinzi

RITORNO ALLE CORSE Un anno fa ha dovuto appendere momentaneamente il casco al chiodo per una serie di infortuni, che nel giro di 12 mesi però non lo hanno fatto desistere dal continuare a prepararsi per tornare a fare quello che più ama. Stiamo parlando di Manuel Lucchese, pilota veronese che è stato sostenuto dal team Yamaha Crazy Camel con l'obiettivo di partecipare alla prima prova della Coppa del Mondo Baja 2018 in sella a un WR450F.

L'UMILTÀ È IL SEGRETO Partito dodicesimo allo start posizionato in quel di Dubai, Lucchese ha iniziato il proprio recupero chiudendo il primo giorno di gara al sesto posto. Nella seconda giornata, poi, ha continuato il proprio lavoro con umiltà e professionalità, chiudendo questa prima tappa al quarto posto finale. Già Campione del Mondo Baja nel 2012, ora Manuel guarda avanti verso il prossimo appuntamento stagionale, previsto in Spagna dal 20 al 22 luglio per la famosa Baja Aragon.

MANUEL LUCCHESE Il mio risultato nella prima prova della Coppa del Mondo Baja 2018 non sarebbe stato possibile se James (proprietario del team Yamaha Crazy Camel) non mi avesse dato l'opportunità di correre. Oltre a essere un grande team manager, James è anche un amico e mi ha permesso di gareggiare senza nessuna pressione, mettendomi quindi nella condizione di potermi divertire e di riprendere confidenza con le dune. Ora, però, devo concentrarmi per la seconda tappa di Aragon: avrò il tempo necessario per tornare in forma e allenarmi con l’obiettivo di salire di posizione in campionato…e non solo!”.


TAGS: manuel lucchese coppa del mondo baja coppa del mondo baja 2018 manuel lucchese coppa del mondo baja manuel lucchese coppa del mondo baja 2018