Mercato moto

La top 100 di Novembre


Avatar Redazionale , il 02/12/10

10 anni fa - Meno grigio del solito il novembre delle moto

Con un gioco di parole potremmo dire che cala il calo, e questo grazie agli incentivi che aiutano soprattutto gli scooter. Ma gli incentivi sono già finiti…

CALA IL CALO Novembre, mese freddo per il mercato e poco influente sul computo totale delle vendite. In ogni caso la situazione è leggermente migliorata rispetto a quella degli ultimi mesi e questo è sicuramente merito dei nuovi incentivi che però, come è già successo, sono stati bruciati in brevissimo tempo (15 giorni). Incentivi che, va da sé, hanno aiutato soprattutto gli scooter, che non a caso occupano interamente (eccezion fatta per la BMW R 1200 GS) la classifica dei primi trenta veicoli più immatricolati. Le posizioni di vertice sono ormai definite per cui inutile dilungarsi: la famiglia SH domina la classifica assoluta e la BMW R 1200 GS continua a marciare come un panzer tritando gli avversari.

GS DA PAURA Considerando l’andazzo del mercato, i numeri della GS sono spaventosi. Se sommiamo GS e Adventure fanno 6.333 pezzi venduti, una cifra che fino a qualche anno fa ottenevano le naked di media cilindrata. Insomma, i prezzi alti non spaventano chi ha disponibilità economica e passione, se è vero che anche la Ducati Multistrada ha fatto molto bene (considerando che le manca qualche mese di vendite perché è arrivata in primavera).

MULTI PER TRE La crossover di Borgo Panigale è, infatti, un po’ “nascosta” in classifica perché è divisa in tre. Sommando le immatricolazioni di Multistrada S Touring (767), Multistrada S Sport (422) e Multistrada (624), siamo a 1813 pezzi ovvero appena sotto la Hypermotard 796, sesta moto più venduta. Per il resto più o meno le protagoniste sono le stesse dell’anno scorso, tra cui stupisce la tenuta sul mercato della Suzuki V-Strom 650, un modello evidentemente valido che meriterebbe più attenzioni da parte di Suzuki.

VEDI ANCHE



NOVEMBRE IN ROSSO Venendo ai numeri, nel mese di novembre le immatricolazioni (veicoli maggiori di 50 cc) si fermano a 14.823 unità, che si traduce in un -12% rispetto allo stesso mese del 2009. Nello specifico sono stati venduti 11.717 scooter pari al -10,6%; mentre le moto con 3.106 consegne registrano una flessione del -16,9%. Il comparto dei “cinquantini” accentua la caduta delle  vendite con 3.328 pezzi  pari a -33,4%.

SCOOTER MEDI Il trend delle diverse cilindrate conferma la centralità degli scooter tra 300-500cc che con 78.508 veicoli e un -13,3% rappresentano il segmento più numeroso. Cali generalizzati oltre il 30% per i 125cc, con 63.938 immatricolazioni (-35,3%), i 150-200cc con 45.884 pezzi (-31,9%) e i 250cc con 18.598 veicoli (-30,8%).

MAXI MOTO Per quanto riguarda le moto, il successo delle maxi oltre 1000cc con 24.129 unità pari a un +10,9%, si dimostra in positiva controtendenza. Anche le 800 -1000cc con 22.616 pezzi, pari a +1,7%, confermano i volumi. La contrazione riguarda le medie cilindrate: le 600cc con 9.770 pezzi (-41,5%), le 650-750cc con 20.252 unità (-29,9%) e le 125cc con 7.419 veicoli (-17,2%).

PIACE IL TOURING L’analisi dei segmenti evidenzia un calo delle naked con 31.610 vendite pari a -28,2% e  delle sportive con 10.795 unità (-26,5%), in leggera diminuzione le supermotard con 8.201 veicoli (-1,65%); sugli stessi volumi dell’anno scorso le enduro stradali con 23.241 pezzi (+0,3%); in ascesa le custom con 9.825 unità (+6.2%), significativo incremento per  le moto da turismo con 6.549 immatricolazioni (+26%) numeri che ben spiegano in che direzione sta andando il mercato.


Pubblicato da Stefano Cordara, 02/12/2010
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox