Autore:
Andrea Minerva
Pubblicato il 21/11/2019 ore 10:30

UN RITIRO ANNUNCIATO La scelta del marchio Citroen e del suo reparto sportivo di abbandonare con effetto immediato il Campionato Mondiale Wrc non può essere definita un fulmine a ciel sereno. Le notizie si rincorrevano sempre più frequenti e consistenti ed oggi è arrivata la conferma definitiva attraverso una laconico comunicato stampa. Il tentativo, fallito, di conquistare il Titolo mondiale nell’anno del Centenario dalla fondazione del marchio del Double Chevron ha certamente avuto un peso considerevole sulla decisione di abbandonare la Serie più prestigiosa del rally. A nulla o quasi è servito l’ingaggio del sei volte campione del mondo Sébastien Ogier, il cui spropositato talento non è bastato per sopperire alle carenze tecniche manifestate qui e là nel corso del campionato dalla Citroen C3 Wrc Plus. Ricordiamo tra l’altro che il team francese, quest’anno ha schierato solo due auto contro le tre messe in campo dalle squadre avversarie. Comunque, venendo al punto, Citroen Racing ha giustificato il ritiro dal Wrc con la decisione di Sébastien Ogier di abbandonare il team e il progetto. Questa è stata la motivazione addotta, che convince solo fino ad un certo punto. E’ infatti noto che Psa Motorsport ha già ampiamente definito i progetti racing per il futuro, a partire dal rientro nel Wec, e quindi anche alla 24 Ore di Le Mans con una hypercar ibrida dal 2022. A seguire è poi stato ampiamente confermato l’impegno nel campionato di Formula E con il team Ds Techeetah. Ad ogni modo Citroen Racing non abbandonerà del tutto il mondo dei rally, proseguirà infatti il programma nel Wrc2 e nei campionati nazionali rally con la Citroen C3 R5, ultimamente ancora sviluppata da Mads Ostberg e Torstein Eriksen.

LE DICHIARAZIONI Qui di seguito riportiamo le dichiarazioni dei vertici del marchio Citroen, che vi abbiamo in parte anticipato nella prima parte di questo articolo. Vi proponiamo subito Linda Jackson, direttore del marchio Citroen.

“La nostra decisione di fermare il programma WRC alla fine del 2019 è motivata dalla scelta di Sébastien Ogier di lasciare Citroën Racing. Si tratta ovviamente di una situazione che non abbiamo voluto, ma non possiamo prendere in considerazione la stagione 2020 senza Sébastien. Voglio ringraziare tutto il team di Citroën Racing, per la loro passione e il loro impegno. Una parte del DNA di Citroën è profondamente legata al Rally e siamo orgogliosi di essere uno dei Brand più titolati della storia del WRC, con 102 vittorie e 8 titoli costruttori”

Naturalmente anche il reparto motorsport ha espresso il suo parere tramite le parole di Jean Marc Finot, direttore di Psa Motorsport.

"La nostra organizzazione a matrice permetterà ai nostri esperti appassionati di sport automobilistici di dimostrare il loro talento nelle discipline sportive dei Campionati in cui le Marche del nostro Gruppo sono impegnate".


TAGS: Sebastien Ogier Citroen racing citroen c3 wrc plus wrc 2019