Toyota al comando dopo tre ore, Ferrari mostra i muscoli
24H LE MANS

Toyota al comando dopo tre ore, Ferrari mostra i muscoli


Avatar di Marco Borgo , il 21/08/21

1 mese fa - Caos al via per la pioggia che ha causato partenza dietro safety car

Caos al via per la pioggia che ha causato partenza dietro safety car

PIOGGIA AL VIA A scombussolare la partenza della 24 ore di Le Mans ci si è messa la pioggia che una mezz'ora prima del via ha iniziato a bagnare la pista della Sarthe. L'acquazzone che ha interessato la zona nord-ovest della Francia ha causato una partenza dietro safety car con due giri di ricognizione addizionali oltre al canonico giro di lancio. Se soprattutto nelle altre classi nei primi minuti di gara è regnata la confusione e l'incertezza tra errori e scambi di posizione repentini, nella classe assoluta riservata alle Hypercar i problemi si sono avuti per lo più alla prima variante dove una delle due agguerrite Glickenhaus, quella di Olivier Pla, ha tamponato la Toyota di Sebastien Buemi spedendolo in testacoda. Da secondo a ultimo in pochi secondi per lo svizzero che ha recuperato dal fondo e allo scadere delle prime tre ore di gara naviga in seconda posizione dopo aver rimediato una sportellata da una LMP2 sempre sullo stesso punto.

TOYOTA #7 DAVANTI A comandare per la prima frazione, unico esente da problemi, è stato Mike Conway con la Toyota nr. 7. La Signatech Alpine, che lo tallonava dopo che nelle prime curve le Glickenhaus avevano palesato problemi di grip sul bagnato perdendo subito terreno, è incappata in un testacoda e l'inglese al comando ha potuto abilmente allungare. In poche tornate anche la seconda vettura ibrida ha risalito il gruppo ed ora sono davanti a tutti con la gara che ora sembra già in fase di attesa. Si attendono quindi gli eventi per capire se sarà un nuovo dominio Toyota visto il ritardo di due minuti della prima LMP1 convenzionale.

JOTA FUORI, G-DRIVE DAVANTI Dopo che Antonio felix Da Costa aveva dettato il ritmo con la vettura dello Jota Sport che aveva messo in pole, Anthony Davidson si è velocemente insabbiato e la vettura inglese ha dovuto cedere il passo alla G-Drive del giovane Franco Colapinto. Bella vivace la classe per prototipi privati dove Roberto Merhi con l'altra G-Drive è finito in sabbia sfiorato da una Ferrari anch'essa finita lunga sulla ghiaia. Un'uscita anche per IDEC sport. A seguire il giovane argentino al comando vi sono le vetture di Team Nederland e Panis Racing mentre l'United Autosport attende non lontano.

FERRARI CI PROVA Dopo un avvio veramente caotico per le condizioni proibitive della pista sembrano essersi assestate le due Ferrari di AF Corse al comando della classe PRO. Nel parapiglia del via per un momento le due Corvette erano saltate davanti mentre la Porsche in pole dell'Hubauto Racing era finita in testacoda. Le due vetture di Maranello, nelle mani di Daniel Serra e Miguel Molina, hanno a tratti battagliato tra loro per la leadership. Dopo un'ulteriore riduzione delle performance poco prima della gara sembra un approccio tutto all'attacco quello di Maranello per aver ragione degli avversari fin da subito. In classe GTE-Am la Ferrari di Cetilar Racing, nonostante una tamponata nei giri di avvio dietro safety car, era passata al comando con Antonio Fuoco ma una foratura ha costretto il team italiano ad uno stop fuori programma e a comandare nella classe minore ora c'è la temuta Aston Martin del TF Sport. Ricordiamo che la diretta integrale della 24 ore di Le Mans è disponibile tramite il canale satellitare Eurosport.


Pubblicato da Marco Borgo, 21/08/2021

Tags
Logo MotorBox