Logo MotorBox
Indycar

St. Petersburg, Gara: Newgarden pole e vittoria di misura


Avatar di Marco Borgo , il 10/03/24

2 mesi fa - Imprendibile lo statunitense sul cittadino che ha dato avvio alla stagione 2024

St. Petersburg, Gara: Newgarden pole e vittoria di misura
Imprendibile lo statunitense sul cittadino che ha dato avvio alla stagione 2024 davanti a O'Ward e McLaughlin

NEWGARDEN LEADER E' Josef Newgarden il protagonista indiscusso della prima corsa stagionale dell'Indycar Series sul circuito cittadino di St. Petersburg. Sulle strade della cittadina della Florida l'alfiere di Roger Penske ha siglato la pole position nella giornata del sabato conducendo poi alla domenica quasi per intero la corsa che lo proietta in testa nella classifica generale.

O'WARD IN DIFFICOLTA' Notevole il passo di Newgarden che non ha fatto mai avvicinare troppo gli avversari ma a dieci giri dalla fine si è scrollato di dosso il gruppo aprendo un gap di otto secondi. In crisi infatti Patricio O'Ward che inseguiva con la prima monoposto di Schmidt/McLaren. Il messicano probabilmente confidava su una corsa più tormentata e afflitta da safety car, ma le neutralizzazioni sono state molto poche e la gara è stata intensa costringendolo a salvare gomme e carburante.

CRISI ROSENQVIST Partito dalla seconda casella in griglia, Felix Rosenqvist si è difeso bene alla prima apparizione con Meyer Shank Racing, ma lo svedese nella seconda metà di gara ha perso nell'arco di una sola tornata diverse posizioni finendo settimo. Ne hanno beneficiato non solo O'Ward ma anche Scott McLaughlin e Will Power. Questi ultimi si erano fatti minacciosi alle spalle di O'Ward ma non hanno trovato lo spunto per saltargli davanti.

GROSJEAN FALLOSO Quinta posizione per Colton Herta, con i primi ma costretto ad inseguire, tallonato dal campione in carica Alex Palou. Si è messo in evidenza ma in negativo Romain Grosjean nella sua prima gara con Juncos. L'ex pilota Andretti ha provato a superare l'esordiente Linus Lundqvist ma lo ha toccato spedendolo in testacoda contro le gomme prima di fermarsi per problemi meccanici.

TRE CAUTION Non è stata questa l'unica neutralizzazione con Marcus Armstrong che ha inaugurato la stagione toccando le barriere nello stesso punto. Un lungo per Sting Ray Robb probabilmente per problemi tecnici visto il fumo che usciva dalla vettura così come problemi tecnici li ha patiti Marcus Ericsson, anch'egli arresosi ad una rottura. Subito una foratura per Christian Lundgaard che anticipando il pit stop è così balzato brevemente al comando dopo la prima neutralizzazione.

St. Petersburg, Gara

1. Josef Newgarden - Team Penske - 100 giri
2. Pato O’Ward - Schmidt/McLaren - 7.912
3. Scott McLaughlin - Team Penske - 8.458
4. Will Power - Team Penske - 9.060
5. Colton Herta - Andretti Global - 10.258
6. Alex Palou - Chip Ganassi Racing - 11.804
7. Felix Rosenqvist - Meyer Shank Racing - 14.404
8. Alex Rossi - Schmidt/McLaren - 15.785
9. Scott Dixon - Chip Ganassi Racing - 16.296
10. Rinus VeeKay - Ed Carpenter Racing - 18.835
11. Santino Ferrucci - AJ Foyt Racing - 23.048
12. Kyle Kirkwood - Andretti Global - 24.588
13. Callum Ilott - Schmidt/McLaren - 28.711
14. Kyffin Simpson - Chip Ganassi Racing - 29.566
15. Pietro Fittipaldi - Rahal/Lettermann/Lanigan - 32.818
16. Graham Rahal - Rahal/Lettermann/Lanigan - 34.696
17. Tom Blomqvist - Meyer Shank Racing - 340.473
18. Agustin Canapino - Juncos Racing - 42.125
19. Jack Harvey - Dale Coyne Racing - 49.345
20. Christian Lundgaard - Rahal/Lettermann/Lanigan - 58.735
21. Christian Rasmussen - Ed Carpenter Racing - 1 giro
22. Colin Braun - Dale Coyne Racing - 1 giro
23. Linus Lundqvist - Chip Ganassi Racing - 3 giri

Ritirati
82° giro - Romain Grosjean
52° giro - Marcus Ericsson
33° giro - Sting Ray Robb
26° giro - Marcus Armstrong


Pubblicato da Marco Borgo, 10/03/2024
Tags