Pubblicato il 24/10/20

ULTIMA GARA STAGIONALE Si correrà questo fine settimana l'ultima gara della stagione 2020 di Indycar. Ironia della sorte, l'ultimo round stagionale si disputerà su quella pista che in diciassette edizioni è stata la tappa di avvio di campionato. Così doveva essere anche quest'anno per il circuito cittadino di St. Petersburg, ma l'evento è stato annullato all'ultimo minuto lo scorso marzo a causa del dilagare dell'epidemia di Coronavirus.

IndyCar 2019, Laguna Seca: Josef Newgarden (Team Penske) festeggia il titolo

GARA DECISIVA Come negli ultimi quindici anni anche quest'anno sarà l'ultima corsa della stagione ad incoronare il campione. Nonostante un anno da protagonista, in cui ha comandato ininterrottamente la classifica generale sin dal primo appuntamento di giugno in Texas, Scott Dixon deve ora vedersela contro Josef Newgarden. I due hanno vinto finora rispettivamente cinque e due titoli ciascuno.

vittoria dixon dallas 2020

GARA IN DISCESA PER DIXON Sarà un week end 'relativamente' facile per il neozelandese che ha come unico compito quello di tenersi fuori dai guai. Con quattro vittorie al suo attivo quest'anno - tre nelle prime tre tappe - il pilota del team Ganassi si presenta in Florida con 502 punti. Tre sole le vittorie nella seconda parte di stagione per Newgarden, campione uscente, che di punti ne ha 470. E qui si affida tutto alla matematica.

PUNTEGGIO INDYCAR SERIES 2020
Pos. Punti Pos. Punti Pos. Punti
1 50 12 18 23 7
2 40 13 17 24 6
3 35 14 16 25 5
4 32 15 15 26 5
5 30 16 14 27 5
6 28 17 13 28 5
7 26 18 12 29 5
8 24 19 11 30 5
9 22 20 10 31 5
10 20 21 9 32 5
11 19 22 8 33 5
Pole position: 1 punto
Almeno un giro al comando: 1 punto
Maggior numero di giri al comando: 1 punto

NEWGARDEN COSTRETTO A VINCERE Lo ha già detto in occasione dell'ultima gara e lo ha ribadito. Non ha alternative l'alfiere di Roger Penske a St. Petersburg. Deve dare tutto e sperare nei guai dell'avversario. Se Newgarden arpionasse la pole position salirebbe di un punto. Se vincesse la gara e risultasse con il maggior numero di giri comandati farebbe bottino pieno: 53 punti. Con questi salterebbe a quota 523. A Dixon per laurearsi campione basterebbe pareggiare il conto avendo un secondo posto in più (andrebbero infatti a pari vittorie). Al neozelandese per incassare i 21 punti per contenere il recupero del rivale basterebbe il nono posto e già andrebbe avanti di un punto. Oppure concludere decimo se fosse lui il a siglare la pole position o a comandare almeno un giro. In questo caso la classifica vedrebbe entrambi a 523 punti, ma Dixon - come detto - la spunterebbe per maggior numero di secondi posti.

DIXON ALMENO NONO Se quindi per il pilota di punta di Chip Ganassi il compito è abbastanza facile, è chiaro che se Newgarden non dovesse arpionare la vittoria ma finire in posizione più arretrata, tutto diventerebbe via via più semplice per Dixon che deve a quel punto solo badare ad arrivare alla fine. Pericoloso, ovviamente, sarebbe un ritiro del capoclassifica. Se questa ipotesi si avverasse, Newgarden dovrebbe marcare quei 33 punti che lo porterebbero a laurearsi campione per un punto. Questo significa concludere la corsa non più in giù della terza posizione. Oppure in quarta ma in questo caso deve assolutamente segnare anche la pole position o andare al comando in gara. La gara conclusiva scatterà domenica sera alle ore 19.30 italiane, Diretta su DAZN.


TAGS: indycar Penske Ganassi St Petersburg Newgarden Dixon