Autore:
Andrea Minerva

IL TURNO DI STRAFFI Il Peugeot Competition 208 Rally Cup Pro, celebre trofeo monomarca della Casa francese disputato con le Peugeot 208 in versione R2b, ha confermato ancora una volta la propria formula vincente, all’insegna della grande competitività e dell’equilibrio delle forze in campo. Non è un caso che il Rally del Taro, terzo appuntamento della stagione, abbia fatto registrare il terzo differente vincitore, in questo caso Mirco Straffi; gli altri due vincitori sono stati Marcello Nicoli al Rally dell’Appennino Reggiano e Michele Rovatti al “Piancavallo”. La gara parmense ha offerto il consueto menù di strade tanto belle quanto impegnative, e di un meteo fortemente variabile, segnato da improvvisi scrosci d’acqua. Dopo 140km di prove speciali, Mirco Straffi ha festeggiato la vittoria chiudendo il Rally del Taro con un vantaggio di 4 secondi e 8 decimi nei confronti di Alessandro Zorra, secondo, e 9 secondi e 8 decimi rispetto a Michele Rovatti, terzo. Straffi ha poi completato l’opera aggiudicandosi anche la Power Stage finale e i relativi 3 punti di bonus davanti a Claudio Gubertini e Zorra. Dopo il Rally del Taro, la classifica del Trofeo Peugeot Competition 208 Rally Cup Pro vede ancora al comando il toscano Michele Rovatti davanti a Zorra, Gubertini, al giovane siciliano Alessandro Casella e a Mirco Straffi. Va ricordato che la graduatoria finale considererà per ciascun pilota solo i tre migliori risultati, limite al quale sono già arrivati i primi due della classifica.

LA GARA Le condizioni variabili che, come da tradizione, hanno caratterizzato anche questa edizione del Rally del Taro, hanno esaltato la versatilità di Mirco Straffi, impeccabile nel mantenere un ottimo ritmo di gara senza commettere particolari errori o sbavature. Michele Rovatti ha invece messo in mostra la consueta velocità ma ha pagato a caro prezzo un errore che alla fine gli è costato il primato della prova parmense; il suo tentativo di rimonta finale non è stato sufficiente per scalzare dalle prime due posizioni Straffi e Zorra. Marco Leonardi è andato invece ad un passo dal podio sia nella Power Stage, mancandolo in questo caso per appena un decimo di secondo, sia nella classifica finale. Casella ha chiuso al quinto posto, precedendo i più esperti Gubertini, Niki Buhler, Williams Zanotto, Mattia Casazza e Giuseppe Gazzetti. Tra i ritirati, segnaliamo Marcello Nicoli e Fabio Zanotto. Il prossimo appuntamento per la 208 Rally Cup Pro sarà il Rally del Casentino in programma il 5 e il 6 luglio.

208 Rally Cup PRO classifica dopo gara 3 di 5 (fra parentesi il numero di risultati utili). 1. Michele Rovatti 33 (3) punti, 2. Alessandro Zorra 26 (3), 3. Claudio Gubertini 21 (2), 4. Mirco Straffi 18 (1), 5. Alessandro Casella 17 (2); 6. Marcello Nicoli (1) 16, 7. Dimitri Tomasso 15 (1), 8. Niki Buhler 14 (3), 9. Marco Leonardi 11 (2), 10. Fabio Zanotti (2), Nicola Sartor (1) e Mattia Casazza (2) 6, 13. Williams Zanotto 5 (2), 14. Giuseppe Gazzetti 3 (2), 15. Lorenzo Ancillotti 1 (1).

IL 208 RALLY CUP PRO IN BREVE

  • PUNTEGGI: I punti (15, 12, 10, 8, 6, 5, 4, 3, 2, 1 a scalare ai primi dieci) verranno assegnati ai soli iscritti, ma in base alla classifica finale della classe R2B di ciascun rally (quindi gli altri piloti/vetture non conquistano punti ma li tolgono). In ogni gara del calendario verrà disputata una prova speciale Power Stage ed ai primi tre iscritti classificati della Classe R2B verrà assegnato il seguente punteggio cumulabile: 3, 2, 1.
  • CLASSIFICA FINALE: La classifica finale verrà stabilita sommando i tre migliori risultati di gara di ciascun pilota (di cui uno deve essere quello dell’ultima gara in calendario), e tutti i punti conquistati nelle Power Stage. In caso di ex-aequo verrà considerata nell’ordine: il totale dei punti conquistati, la minore età.
  • RALLY VALEVOLI: Appennino Reggiano (7 aprile), Piancavallo (12 maggio), Taro (9 giugno), Casentino (7 luglio), Bassano (29 settembre).

TAGS: Peugeot italia peugeot competition Peugeot Sport Italia peugeot competition 208 cup Peugeot 208 R2B