Indy 500, Gara: Marcus Ericsson contiene Pato O'Ward
Indycar

Indy 500, Gara: Marcus Ericsson contiene Pato O'Ward


Avatar di Marco Borgo , il 29/05/22

1 mese fa - Il dominio di Dixon fermato da un drive through

Il dominio di Dixon fermato da un drive through

ERICSSON EMERGE NEL FINALE Doveva essere la gara di Scott Dixon ma la 500 miglia di Indianapolis ha avuto un epilogo diverso. Continua dunque la maledizione per il neozelandese (non vince ad Indianapolis dal 2008) che dopo aver siglato la pole position da record aveva comandato per oltre tre quarti di gara sul celebre ovale. L'ultima sosta ai box ha portato il pilota di Ganassi a commettere un'infrazione ed il giro successivo è stato richiamato per un drive through. Stessa sorte per il compagno Alex Palou che lo tallonava: il campioncino in carica è entrato in corsia box per il primo pit stop in regime di bandiere gialle ed è dovuto tornare in pista senza effettuare il cambio gomme che ha completato al giro successivo finendo così indietro. Davanti a tutti è emerso quindi Marcus Ericsson. Lo svedese aveva navigato a centro gruppo ma ad una ventina di giri dalla fine si è messo alle spalle il duo McLaren composto da Felix Rosenqvist e Pato O'Ward ed ha colto la prima vittoria nella grande classica dell'Indycar.

MCLAREN SFIORA IL COLPACCIO Peccato per la squadra inglese che in Indycar si appoggia al team Schmidt/Peterson. Pato O'Ward ci ha provato anche nei due giri conclusivi, gli ultimi dopo la bandiera rossa causata dall'uscita di Jimmie Johnson a quattro tornate dal termine. Per preservare l'azione in pista la direzione di gara ha prontamente esposto la bandiera rossa. Una volta ripartiti il messicano ha provato l'attacco per la testa della corsa ma è riuscito solamente ad affiancare il battistrada che poi si è involato verso il successo. Ericsson salva dunque il bilancio in casa Ganassi, team che con Dixon aveva firmato la pole position e dimostrato nel complesso ottime chance di vittoria con tutte le sue vetture. Al terzo posto, inoltre, si è issato Tony Kanaan sulla monoposto extra schierata ad hoc per la sola 500 miglia.

MALE ANDRETTI, DISPERSO PENSKE Tra i top team della serie stona l'assenza al vertice delle vetture di Andretti e Penske. Colton Herta dopo lo schianto di venerdì ha corso con la vettura di riserva perdendo subito confidenza con il setup e finendo per ritirarsi. Alexander Rossi ha visto il traguardo in quinta posizione mentre Romain Grosjean alla prima esperienza sull'ovale dell'Indiana ha sbattuto poco dopo metà gara. In casa Penske Will Power non è stato mai in gara mentre Josef Newgarden ha concluso in tredicesima posizione. A muro Scott McLaughlin così come prima di lui avevano fatto Rinus Veekay e Callum Ilott. Bene invece il team di Michael Shank, squadra ufficialmente di seconda fascia ma vincitrice l'anno scorso con Helio Castroneves. Pur non facendosi mai notare, Castroneves e Simon Pagenaud hanno finito la corsa in settima ed ottava posizione.

Indy 500, Gara

1 Marcus Ericsson Chip Ganassi Racing 200 giri
2 Pato O'Ward Schmidt/McLaren 1.793
3 Tony Kanaan Chip Ganassi Racing 3.517
4 Felix Rosenqvist Schmidt/McLaren 4.127
5 Alexander Rossi Andretti Autosport 4.980
6 Conor Daly Ed Carpenter Racing 5.080
7 Helio Castroneves Michael Shank Racing 6.561
8 Simon Pagenaud Michael Shank Racing 7.094
9 Alex Palou Chip Ganassi Racing 8.245
10 Santino Ferrucci Dreyer & Reinbold 9.833
11 Juan Pablo Montoya Schmidt/McLaren 10.765
12 JR Hildebrand AJ Foyt Racing 11.655
13 Josef Newgarden Team Penske 11.828
14 Graham Rahal Rahal/Lettermann/Lanigan 12.425
15 Will Power Team Penske 13.304
16 David Malukas Dale Coyne Racing 13.628
17 Kyle Kirkwood AJ Foyt Racing 14.586
18 Ed Carpenter Ed Carpenter Racing 15.560
19 Devlin DeFrancesco Andretti Autosport 15.822
20 Christian Lundgaard Rahal/Lettermann/Lanigan 16.331
21 Scott Dixon Chip Ganassi Racing 18.124
22 Marco Andretti Andretti Autosport 25.200
23 Sage Karam Dreyer & Reinbold 1 giro
24 Jack Harvey Rahal/Lettermann/Lanigan 1 giro
25 Takuma Sato Dale Coyne Racing 1 giro
26 Dalton Kellett AJ Foyt Racing 2 giri
27 Stefan Wilson Dragonspeed 2 giri
  Ritirati    
  Jimmie Johnson Chip Ganassi Racing 7 giri
  Scott McLaughlin Team Penske 50 giri
  Colton Herta Andretti Autosport 71 giri
  Romain Grosjean Andretti Autosport 95 giri
  Callum Ilott Juncos Racing 132 giri
  Rinus Veekay Ed Carpenter Racing 162 giri

Pubblicato da Marco Borgo, 29/05/2022
Tags
Logo MotorBox