Pubblicato il 15/11/20

PRIMO SUCCESSO FERRARI E' la prima affermazione per il reparto 'Competizioni GT' del cavallino nel GT World Challenge Europe, Endurance Cup, campionato che fino alla scorsa stagione si chiamava Blancpain Endurance Series. Nella tappa conclusiva sul circuito di Le Castellet, Alessandro Pierguidi si è laureato campione vincendo gara e titolo con la 488 preparata da AF Corse. L'italiano aveva appositamente rinunciato alla trasferta finale del WEC in Bahrain, con James Calado che è stato affiancato per l'occasione da Daniel Serra.

PIERGUIDI CAMPIONE SOLITARIO L'italiano ha preso parte a tutta la stagione ma nelle prime tre tappe è stato affiancato da Nicklas Nielsen e James Calado. La Ferrari ha deciso per questi ultimi di continuare a prendere parte alla tappa conclusiva del WEC, rinunciando di fatto alla possibilità di laurearsi campioni con Pierguidi. Quest'ultimo nell'ultima gara stagionale ha corso con due nuovi compagni: Come Ledogar e Tom Blomqvist.

le castellet start

ULTIMO PIT STOP CHIAVE Dopo un dominio della Porsche del team GPX Racing, la mossa che ha deciso le sorti della gara e del campionato è avvenuta all'ultimo cambio gomme. AF Corse ha deciso di cambiare solamente le gomme del lato sinistro. Questa scelta ha permesso a Pierguidi di ritornare in pista saltando davanti alla Porsche che fino a quel momento aveva ampiamente dominato la gara di 6 ore. L'italiano ha tenuto a bada la 911 dei rivali tagliando il traguardo con meno di due secondi di vantaggio.

MOLTI ITALIANI IN TOP TEN In un campionato che vede moltissime vetture al via, i tanti piloti italiani presenti nel panorama delle ruote coperte hanno potuto esprimersi al meglio. Se la seconda piazza è andata alla Porsche di Matt Campbell, Patrick Pilet e Mathieu Jaminet, in terza posizione Andrea Caldarelli ha portato la vettura del suo team guidata assieme a Marco Mapelli e Dennis Lind. Quinto Mirko Bortolotti con la seconda Audi R8 del WRT al traguardo. Settimo alla fine il poleman Antonio Fuoco sulla 488 condivisa con Toni Vilander e Sergey Sirotkin. Buon ottavo posto per il veneto Giacomo Altoè mentre a seguire si sono classificati Mattia Drudi e Matteo Cairoli. Nonostante fosse arrivato al Paul Ricard da capoclassifica, Raffaele Marciello ha visto la propria vettura finire fuori dai punti, vanificando così la corsa al titolo.

Le Castellet, Gara (top ten)

Pos Equipaggio Auto/Team Gap
1 Pierguidi/Ledogar/Blomqvist Ferrari 488 Team AF Corse 179 giri
2 Campbell/Pilet/Jaminet Porsche 911 GT3-R Team GPX Racing 1.690
3 Lind/Mapelli/Caldarelli Lamborghini Huracan Team FFF Racing 9.001
4 Vanthoor/Mies/Weerts Audi R8 Team WRT 14.472
5 Van der Linde/Ineichen/Bortolotti Audi R8 Team WRT 42.236
6 Engel/Stolz/Abril Mercedes AMG Team Haupt 44.966
7 Vilander/Fuoco/Sirotkin Ferrari 488 Team SMP Racing 55.677
8 Altoé/Mac/Costa Lamborghini Huracan Team Frey 1'15.677
9 Drudi/Schramm/Vervisch Audi R8 Team Attempto 1'19.483
10 Muller/Engelhart/Cairoli Porsche 911 GT3-R Team Dinamic 1'20.520

TAGS: ferrari Le Castellet GT World Challenge SRO endurance cup