Autore:
Luca Cereda

Innanzitutto calma e gesso. E proviamo a vederci chiaro prima che il fittissimo susseguirsi di notizie sul caso-Volkswagen getti fumo – anzi, NOx – negli occhi degli automobilisti. Comprensibilmente allarmati e, da oggi, un po’ più diffidenti. Il punto sta nel capire quali conseguenze avranno tutte queste vicende sul cliente finale. In buona sostanza: che cosa rischia chi possiede un’auto a gasolio del Gruppo Volkswagen? Ci saranno dei costi da sostenere? Se avete una Volkswagen, ama anche un’Audi, Seat o Skoda, ecco cinque risposte che (forse) state cercando.

QUALI SONO I MODELLI “TAROCCATI”?
Stando a quanto dichiarato da Volkswagen, sono quelli del Gruppo che montano il motore 2.0 TDI di Volkswagen omologato Euro 5 (tipo: EA 189). Quest’ultimo particolare “scagiona” automaticamente i modelli con lo stesso tipo di motore acquistati prima del 2009 e, alla stessa maniera, quelli equipaggiati con il motore omologato Euro 6. Per controllare il tipo di omologazione del motore della vostra auto basta dare un’occhiata al libretto o effettuare una ricerca online sul sito www.ilportaledellautomobilista.it, inserendo il numero di targa. In attesa dei dati ufficiali del Ministero dei Trasporti tedesco, i modelli del Gruppo VW coinvolti dallo scandalo sarebbero in tutto 19. Li elenchiamo marca per marca:

AUDI:
A3, A4, A5, A6, TT, Q3, e Q5.
SEAT: Leon, Altea e Alhambra.
SKODA: Yeti, Octavia, Superb.
VOLKSWAGEN: Maggiolino, Sharan, Touran, Golf, Passat e Tiguan.

LA MIA AUTO E’ UNA DI QUESTE. E QUINDI? NON POSSO CIRCOLARE? MI MULTERANNO?
Niente di tutto questo. Anche se dotata di motore con il software che trucca le emissioni, e perciò più inquinante del dichiarato, la vostra auto non è fuorilegge, in Europa. Almeno per ora. Dunque, non c’è motivo di preoccuparsi per eventuali multe o blocchi degli enti locali. Nemmeno la revisione è a rischio: la quantità di emissioni di NOx non ne preclude il superamento.

COME LA “AGGIUSTO”? E CHI PAGA?
Se siete possessore di una Volkswagen/Audi/Skoda/Seat “truccata”, guardate bene nella cassetta postale: probabilmente ci sarà posta per voi. Si attende infatti un richiamo della Casa madre per portare le auto in questione a regolarizzare la centralina. Il tutto, ovviamente, a carico di VW (seccatura a parte), come da prassi in caso di richiamo.

LA MIA AUTO SI SVALUTERA’?
Non si può fare una previsione certa ma può darsi di sì. Soprattutto nell’immediato, il danno d’immagine subito dal marchio e il clamore della vicenda potrebbero influire in una compravendita tra privati. Una volta chiariti i contorni della questione, però, e implementata la soluzione del problema, lo scenario dovrebbe cambiare: si tratta di modelli sempre validissimi.

IL DIESEL INQUINA DI PIU’ DELLA BENZINA?
L’eco di questa vicenda rischia di sfociare in una campagna contro il diesel poco razionale. Ma soprattutto scatena un dibattito: il diesel inquina più della benzina? La risposta è sì, se si considera come parametro l’ossido di azoto (NOx) – protagonista del caso Wolkswagen – oppure le polveri sottili (fino a mille volte superiori), contenute attraverso il FAP (“di serie” sui diesel Euro 5). Guardando invece alle emissioni di anidride carbonica (CO2), i valori dei motori diesel si assestano su un 10-15% in meno rispetto ai benzina.


TAGS: dieselgate scandalo wolksvagen diesel volkswagen emissioni diesel volkswagen motori volkswagen truccati