News

Jaguar presenta la sua nuova F1


Avatar Redazionale , il 21/01/03

18 anni fa -

Cerimonia virtuale a costo quasi zero per il battesimo della R4 2003, monoposto del giaguaro molto understatement, tutta sostanza e poca innovazione stilistica.

La Scozia è molto più a nord di Coventry, paese natale di tutte le Jaguar. Questione di qualche centinaio di chilometri, sufficienti però a trasmettere anche ai cugini inglesi il giusto rispetto per il denaro che da sempre caratterizza il popolo di Braveheart.

La conferma si è avuta oggi in occasione della presentazione della monoposto che parteciperà al mondiale F1 2003: niente raduni oceanici di giornalisti e clienti privilegiati in qualche lussuosa tenuta della campagna a nord di Londra, niente costosi pranzi da offrire a centinaia di invitati, hostess mozzafiato e scenografie da film, ma una cerimonia nel segno della tecnologia e del risparmio a tutti i costi. A sorpresa, con una iniziativa che più di basso profilo non si può, la nuova F1 del giaguaro ha ricevuto un battesimo esclusivamente virtuale, tutto via internet, trasmettendo immagini e dati sul canale sport del portale Yahoo.com.

Di basso profilo anche le ambizioni del Jaguar Racing Team, che dopo i proclami trionfalistici di tre anni fa e le successive mazzolate prese in pista, ha dovuto rivedere molto i propri obiettivi, budget compreso. Sbagliando si impara, ammettono in Jaguar, l’importante è capirlo in tempo e correre ai ripari. La vettura del 2003 non ambirà così al gradino più alto del podio ma molto più prosaicamente a diventare affidabile e possibilmente più competitiva di quella dello scorso anno.

"Abbiamo optato per uno stile tutto sostanza, magari non bellissimo, convenzionale, cercando di mettere a frutto l’esperienza maturata nel finale di stagione dello scorso anno, dove abbiamo ottenuto discreti risultati" dice Davis Pitchforth, direttore generale del Team Jaguar. "Pur avendo iniziato con una vettura poco soddisfacente, siamo riusciti a risolvere molti problemi e a terminare il campionato con una piattaforma sana, che ci è servita come punto di partenza per lo sviluppo della R4, la monoposto di quest’anno".

E' così stata affinata l’aerodinamica, quindi il lavoro è proseguito sulle gomme con la Michelin e, successivamente, sul motore con la Cosworth. Sulla R4 ci sarà un 10 cilindri a V di 90° di 2998cc con 4 valvole per cilindro, siglato Cr-5 V10 2003. E’ la prima volta che il più famoso fornitore di motori per la F1 si cimenta con una disposizione a V di questo tipo. I benefici rispetto al 72° del passato sono tutti nel baricentro più basso, e quindi nella migliore aerodinamica della vettura. Si vedrà nei prossimi giorni in pista quanto più efficienza abbia portato questa soluzione.

Di basso profilo infine anche i due piloti che dovranno difendere il prestigio Jaguar in pista: Mark Webber, ventiseienne pilota australiano ex Minardi, sarà affiancato dal ventiduenne brasiliano Antonio Pizzonia, ex test driver Williams nel 2002, al suo debutto in F1.
Pubblicato da Gilberto Milano, 21/01/2003
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox