Autore:
Ronny Mengo
Pubblicato il 27/02/2002 ore 15:04

I papà sono venti ing con una cosa in comune: il capo, mister Mike Coughlan, direttore tecnico degli Orange. Non mancano le novità in casa nero-arancio, a partire dal muso alto e massiccio e qualche ritocco aerodinamico, passando al capitolo motore, fino ai due volanti, il brasiliano Enrique Bernoldi come l’anno scorso e la novità chiamata Heinz-Harald Frentzen, che dopo essere stato licenziato da parte della Jordan e liquidato da parte della Prost GP riesce a conservare un posto in F1.

Il propulsore sarà il Cosworth CR-3, lo stesso che equipaggia la Jaguar. Addio al vecchio Asiatech: il cuore Ford è un dieci cilindri a V di 72 gradi, di 2998 cc di cilindrata e una potenza approssimativa di 800 cavalli a 18000 giri al minuto. Telaio nuovo, Bridgestone ai piedi e migliaia di ore di simulazione nella galleria del vento di Bedford, la A23 punta a dimenticare definitivamente le miserie della scorsa stagione (decima nella classifica finale con un biglietto praticamente fisso per l’ultima fila), tirando fuori dal cappello qualche punticino mondiale qua e là.

Tom Walkinshaw, proprietario della TWR (Tom Walkinshaw Racing) e patron della Arrows dal 1996, spera di migliorare il modesto miglior risultato dell’annata 2001: tredicesimo posto di Verstappen in Canada, durante le prove. Un punto uno alla fine dei giochi, grazie a un piazzamento dell’olandese in quel dell’Austria. Migliorabile.


TAGS: f1 2002: arrows a23