Autore:
Emanuele Colombo

L'OCTAVIA IBRIDA Costruita su una versione aggiornata della piattaforma Volkswagen MQB, che condividerà con la Golf di prossima generazione, cominciano a trapelare informazioni sulla nuova Skoda Octavia prevista per il 2020. Prima tra tutte quella secondo cui porterà al debutto, nella gamma del costruttore cecoslovacco, una motorizzazione mild hybrid a 48 V e un'ibrida plug-in.

LE ALTRE MOTORIZZAZIONI Le nuove unità elettrificate andranno ad affiancare motorizzazioni tradizionali: in particolare il TSI 1.5 a benzina di derivazione Volkswagen e un nuovo diesel di pari cilindrata. Il design manterrà linee da berlina, ma con soluzioni che miglioreranno la praticità e linee all'avanguardia che, pur mantenendo l'aspetto di una berlina, maschererano all'occhio una carrozzeria a due volumi.

LA NUOVA COMPATTA Tra le compatte, Skoda conta invece di schierare già dal 2019 una nuova Rapid, allestita sulla stessa piattaforma A0 MQB di Seat Ibiza e Volkswagen Polo. La Skoda Rapid non punta a diventare una scelta economica nel segmento, ma anzi a confrontarsi con la Golf tra le vetture premium.

IL SUV COMPATTO Rapid sarà anche la base su cui nascerà il prossimo SUV compatto di Skoda, anticipato dal prototipo Vision X allo scorso Salone di Ginevra. Sarà la rivale cecoslovacca di Volkswagen T-Roc e Seat Arona: la produzione in serie è prevista per il 2019 e per il nome le due proposte più accreditate sarebbero Anuq e Amiq.

E POI LE ELETTRICHE Citigo E sarà invece la prima auto elettrica di Skoda. Prevista per il prossimo anno, permetterà di maturare esperienza nel settore dei veicoli a emissioni zero in vista del lancio della versione di serie della concept Vision E: vista al Salone di Francoforte dello scorso anno, questa vettura sarà basata sulla nuova piattaforma MEB del gruppo VW.


TAGS: Skoda Vision X skoda octavia 2020 skoda octavia ibrida skoda octavia plug-in hybrid nuova skoda rapid skoda anuq skoda amiq skoda citigo e