Autore:
Marco Pascali
Pubblicato il 18/09/2001 ore 14:47

Nasce dunque sotto buoni auspici questa moderna "Frog". Questa nuova concept è indirizzata ai giovani, alla generazione della playstation, per verificare il loro grado di accettabilità delle nuove idee. E qui, di idee, se ne trovano parecchie.

"Un’utilitaria completamente scoperta caratterizzata da un’alta linea di cintura, da una grande flessibilità degli interni e da particolari estetici molto giovanili", così la presenta Stefan Arndt, il progettista.

L’innovazione è rappresentata dal tetto elettrico, composto da lamelle di alluminio con inserti in gomma come guarnizioni, che, comandato da un pulsante della plancia, trasforma questa piccola scoperta, in una roadster, in una cabrio o ancora in un pick-up, per poi richiudersi totalmente quando c’è da parcheggiare.

Il tetto chiude anche il vano bagagli, accessibile comunque, anche a macchina ferma, da due sportellini posti dietro le lunghe porte. I quattro sedili, completamente asportabili e rivestiti in neoprene, aumentano la versatilità, risolvendo problemi di carico ed eventuali dimenticanze...in caso di pioggia! (le tute dei surfisti sono in neoprene).

Lunga 3,71 m, larga 1,68 m per una altezza di 1,53 m, questa vettura sperimentale è equipaggiata con il brillante motore Ecotec dodici valvole di 1.0 litro, da 58 cavalli (43 kw) e il nuovo cambio automatizzato Easytronic.

La plancia non si può certo definire del tipo convenzionale. I comandi per la climatizzazione, la radio, il lettore mp3 e altro ancora, sono infatti integrati in un comodo palmare alloggiato nella console centrale. Questo mini computer asportabile può fare molto di più, come aprire e chiudere le porte o far scorrere il tetto a "tendina". Per il momento non è prevista la commercializzazione.


TAGS: opel frogster