Autore:
Marco Rocca

HYPERCAR AL CHILI La guardi e pensi: non può essere vera. E invece lo è. Probabilmente l’avrete intravista curiosando in rete, sto parlando della Inferno, la hypercar messicana che, udite udite, sarebbe pronta a entrare in produzione al prezzo di 2 milioni di Euro. 

NELLE PUNTATE PRECEDENTI Se vi siete persi la sua storia, ve la riassumo in breve. Incurante di confronti con nomi del calibro di Koenigsegg, Gumpert, Lamborghini, per non dire Bugatti, un tale di nome Alvaro Gutierrez (imprenditore messicano che ha fatto una fortuna producendo segnali stradali) ha deciso di proporre la sua personale hypercar. L'ha chiamata Inferno e l'ha fatta disegnare dall'Italiano Antonio Ferraioli (di scuola Lamborghini) dopo avergli cancellato la memoria con l'apparecchietto del film Man in Black.

DAI CARTELLI ALLE AUTO Scherzi a parte il facoltoso messicano ha mostrato il suo prototipo ai Saloni di Dubai, Londra, Miami e Los Angeles e pare che i miliardari di mezzo mondo, incuriositi, stiano aspettando la versione definitiva. Otto degli 11 esemplari previsti per la "First Edition" sono già stati pre-venduti a una cifra, come detto, di 2 milioni di Euro (più alta di una Lamborghini Centenario Coupé). 

FATTA DI GOMMA Tralasciando il listino, lo sviluppo della Inferno nasconde una tecnologia nuova e molto raffinata. Si chiama Metal Foam ed è un’inedita schiuma metallica brevettata dalla società messicana, una combinazione di zinco, alluminio e argento per la produzione della scocca della vettura. Classificato come metallo estensibile, questo materiale è in grado di allungarsi fino a 100 volte di più rispetto alla sua dimensione originale, garantendo grande capacità di assorbimento degli urti.

SOTTO IL COFANO Con un motore V8 da 1.400 cavalli e 1.523 Nm di coppia, la Inferno raggiunge senza sforzo i 395 chilometri all’ora, coprendo lo 0-100 km/h  in meno di 2,7 secondi. Il tutto condito da un peso sotto i 1.200 kg. Da non dormrci la notte. Alla fine della fiera, però, ancora non si conoscono le date precise sull'usicta dell'eccentrica hypercar messicana. Se vi interessa, ce ne sono ancora 3 disponibili.

 


TAGS: hypercar Inferno