Autore:
Luca Cereda

LASCIA O RADDOPPIA Se il presente nicchia, il futuro rilancia. Mentre l’elettrico muove timido i primi passi senza dare l’impressione di poter cambiare marcia,  le Case continuano a vedere per il futuro un’autostrada spianata, sulla quale, prima o poi, si dovrà premere l’acceleratore. E’ il caso di Ford, che per gli EV ha annunciato un piano d’investimento da 4,5 miliardi di dollari da qui al 2020 per fare uscire ben 13 modelli elettrici. Primo fra tutti la Ford Focus Electric, in produzione già l’anno prossimo in vista di un lancio come my 2017.

TANTA BIRRA CON LA SPINA Allora lo scenario sarà cambiato (almeno, questo è il pensiero). E problemi quali il range d’autonomia e i tempi di ricarica della batteria – principali crucci dei clienti che frenano dinnanzi alle auto elettriche – saranno superati. La Ford Focus Electric, ad esempio, avrà una presa di ricarica rapida di nuova generazione capace di garantire l’80% della carica in mezzora. Sufficienti, insomma, a riguadagnare birra per altri 160 km.

STRUMENTI AD HOC La Ford Focus Electric aiuterà anche a preservare l’autonomia attraverso la guida. Il Brake Coach – questo è il nome del dispositivo – ci insegnerà a frenare e accelerare in modo furbo, massimizzando il recupero dell’energia. Sul cruscotto troveremo poi una serie di strumenti, perlopiù schermi LCD, dedicati all’eco-guida, per monitorare il consumo della batteria in tempo reale allo scopo di aumentarne la durata.   


TAGS: Ford Focus Electric