News

Daewoo Oto


Avatar Redazionale , il 21/11/02

18 anni fa -

Ocio a Daewoo. C'è fermento. Si chiama "Oto" il nuovo prototipo di Casa, infiocchettato per il Motor Show di Seoul, in corso in questi giorni. Linee smussate graffiate da scalfature decise, SUV e sport coupé insieme, ma anche fuoristrada cattivo. Un po' di tutto, messo sotto i riflettori per cercar di tracciare la direzione degli anni a venire.

Muso squadrato

. Con ampi gruppi ottici e calandra sicura di sé, altezza da terra da Sport Utility, parafanghi larghi, cerchi sovradimensionati, e poi parabrezza imponente che si unisce ai cristalli laterali chiusi dallo spicchio posteriore, nervatura lunga e profonda che domina la fiancata. Le dimensioni dicono 4,474 metri di lunghezza per 1,997m di larghezza e 1,71 di altezza, con una carreggiata di 2,65m.

Dentro ci sono i più moderni sistemi di comunicazione, con il display posto nel pannello strumenti che informa il conducente sulle condizioni del traffico e molto altro. Inoltre, operazioni come la messa in moto del motore, l'apertura e chiusura delle portiere, la gestione del sistema AV e lo schermo a scomparsa possono essere attivate con un singolo telecomando. L’abitacolo, con le tre file di sedili, fa poco per nascondere lo spirito avveniristico: la plancia sembra la torre di controllo dell’aeroporto di Newark, tra il volantino a cloche e la fila di monitor digitali, mentre l’ adattabilità dei sedili dei passeggeri, si unisce a diverse soluzioni per ottimizzare i volumi interni.

Il motore è il sei cilindri in linea DOHC, realizzato dalla GM Daewoo e montato in posizione trasversale: 2492 cc la cilindrata, 157 i cavalli di potenza massima a 5800 giri al minuto, 24,5 kgm la coppia a 4000 giri. Da buona concept car qual è, non si hanno informazioni riguardo una eventuale, futura, commercializzazione. Ma ormai non si fa più nulla per il gusto di fare, quindi orecchie tese.


Pubblicato da Ronny Mengo, 21/11/2002
Gallery
Logo MotorBox