Autore:
Giulio Scrinzi

PRIMO FRA TANTI Una gara dalla doppia faccia quella della Moto 2 sul circuito di Sepang: partita in regime da bagnato, a metà la pioggia ha chiuso i rubinetti lasciando spazio al sole asciugando molto lentamente l'asfalto malese. Condizioni difficili perchè i piloti hanno dovuto concludere la propria fatica sulle gomme rain in un GP che ha richiesto tanta abilità di guida e parecchio sangue freddo: ecco che quindi l'unico che poteva aggiudicarsi la vittoria non poteva essere altri che Johann Zarco il quale, a sei giri dalla fine, ha rotto gli indugi ed ha preso il comando fino alla bandiera a scacchi. Con Alex Rins caduto nelle prime fasi e giunto al traguardo solo in 14esima posizione e Thomas Luthi che non ha saputo fare di meglio di una sesta piazza, il francese del team Ajo Motorsport ha conquistato finalmente il suo secondo titolo Mondiale bissando il successo dell'anno scorso. Diventa così il primo pilota della storia della Moto 2 a vincere due allori iridati di seguito e questo sarà sicuramente un ottimo biglietto da visita per il suo esordio l'anno prossimo nel team Yamaha Tech 3 della classe regina.

FINO ALL'ULTIMO METRO Dietro di lui ha conquistato il secondo gradino del podio Franco Morbidelli: il “Morbido” è scattato benissimo in partenza ed ha condotto gran parte della gara in testa finchè Zarco non ha piazzato la propria zampata a poche tornate dal termine. Dietro nel frattempo si era avvicinata pericolosamente la Kalex di Jonas Folger con cui il romano ha iniziato un acceso duello durato fino alla bandiera a scacchi: una lotta fatta di sorpassi e controsorpassi quando all'ultimo giro il numero #21 ha approfittato di un piccolo errore del tedesco andandosi ad aggiudicare un'altra importante medaglia d'argento praticamente sul filo di lana.

DISTACCHI ABISSALI Dietro di loro sono giunti dopo oltre 20 secondi di gap dalla vetta Lorenzo Baldassarri davanti al malese Syahrin e ad un Thomas Luthi leggermente in difficoltà con le condizioni intermedie della pista. Benino gli altri italiani: Luca Marini ha concluso nono e Simone Corsi 11esimo, mentre Mattia Pasini è stato autore di una caduta che lo ha costretto alla 23esima posizione finale.

COSÌ ALL'ARRIVO Ecco l'ordine di arrivo del diciottesimo round sul circuito di Sepang della classe Moto2: 1) Johann Zarco; 2) Franco Morbidelli; 3) Jonas Folger; 4) Lorenzo Baldassarri; 5) Hafizh Syahrin; 6) Thomas Luthi; 7) Alex Marquez; 8) Xavi Vierge; 9) Luca Marini; 10) Isaac Vinales; 11) Simone Corsi; 12) Ramdan Rosli; 13) Remy Gardner; 14) Alex Rins; 15) Xavier Simeon; 16) Jesko Raffin; 17) Sandro Cortese; 18) Danny Kent; 19) Edgar Pons; 20) Marcel Schrotter; 21) Takaaki Nakagami; 22) Iker Lecuona; 23) Mattia Pasini; 24) Ratthapark Wilairot.


TAGS: moto2 2016 moto2 sepang 2016 moto2 malesia 2016 moto2 johann zarco moto2 johann zarco sepang moto2 johann zarco malesia