Autore:
Alessandro Codognesi

TUTTI A MILANO Non sarà una di quelle novità da ultimo grido, ma l’F4 è un po’ la 911 della Porsche: passano gli anni, cambiano i modelli, ma lei rimane sempre fedele al progetto originale. Non senza modifiche, ovviamente, ma i cambiamenti avvengono più sottopelle che in altri casi. Anche la MV Agusta F4 RR 2013 non si stravolge, piuttosto si affina per stare al passo della concorrenza sempre più agguerrita e tecnologica. E si fa anche una ripassata al trucco, che non guasta mai. Voi come noi, potrete vederla a EICMA, il Salone di Milano. Guarda il video.

MOTO-ELETTRICA Il titolo scherza, ovviamente, ma rende l’idea su quanta elettronica si stata iniettata nelle vene della nuova MV Agusta F4 RR 2013. Si parte innanzitutto dal motore, dotato ora del noto controllo di trazione visto su Brutale 675 ed F3, anche se in questo caso la faccenda è un po’ più complicata. Trovano posto infatti ben tre giroscopi e tre accelerometri che dialogano con il sistema MVICS (Motor & Vehicle Integrated Control System), con il risultato che ora la centralina triangola perfettamente in ogni momento la posizione della moto. Non solo quindi TC regolabile su 8 livelli e quattro mappature motore (delle quali una customizzabile), ma anche freno motore, risposta al gas più o meno diretta, anti-wheeling, cambio elettronico EAS e altro ancora, tutto è assolutamente regolabile dal manubrio. Da perderci la testa e i pomeriggi.

TO BE CONTINUED Ma l’elettronica della MV Agusta F4 RR 2013 non finisce qui. Le ultime tendenze infatti chiedono a gran voce le sospensioni a controllo elettronico, e manco a dirlo, anche l’F4 RR del 2013 avrà le sospensioni elettroniche. In particolare, si tratta di sospensioni semi-attive che si adattano in base alla mappa selezionata dal manubrio e allo stile di guida, ma che, volendo, possono anche essere regolate manualmente. E giusto per non sbagliare, si è optato per delle luccicanti Ohlins. Dulcis in fundo l’ammortizzatore di sterzo, anch’esso a controllo elettronico e completamente settabile. A parte la farcitura elettronica, l’F4 RR 2013 avrà anche un nuovo impianto frenante Brembo, fatto di pinze monoblocco M50 e pompa radiale inedita. Nuovi sono anche i cerchi forgiati, come pure i pneumatici Pirelli Supercorsa SP, con il posteriore da ben 200/55. Non bastasse tutto questo, sappiate che il telaio è saldato artigianalmente al TIG.

UN PO’ DI MECCANICA Tornando alla cara e vecchia meccanica, anche qui le evoluzioni ci sono, anche se di fino. Rimane sempre un Corsacorta 4 cilindri, ma ora le bielle sono in titanio, la distribuzione è a singola molla invece che doppia ed è nuovo il circuito dell’olio. In particolare, quest’ultimo è stato ridisegnato all’interno e all’esterno dei carter motore, con l’obiettivo di garantire una migliore lubrificazione delle bronzine di banco e biella, incrementando così l’affidabilità. Inoltre, è stato ribilanciato l’albero motore. Totale: 200,8 cavalli dichiarati, valore record per le maxi sportive.

STYLISH Non farà urlare al miracolo, ma il design dell’F4 è un tale capolavoro, che stravolgerlo sarebbe eresia. Ecco perché a Schiranna si sono limitati a pochi ma significativi interventi: in particolare, sono nuovi i gruppi ottici, che ora adottano dei guidaluce per aumentare la visibilità. Significativo anche l’intervento sui quattro terminali di scarico, con i due terminali esterni ora più corti e rastremati, mentre la coppia centrale si estende fino all’estremità del codino.

VULGARIS Come tradizione vuole, la F4 RR sarà affiancata in listino dalle sorelle più povere, la F4 e la F4 R. Per queste due, il motore Corsacorta eroga “solo” 195 cavalli, ma è dotato dello stesso livello di elettronica. Diverso il discorso ciclistica, dato che utilizzano un telaio saldato al Mig (in macchina e non artigianalmente) e non ci sono sospensioni elettroniche. Infine i prezzi: si parte dalla normale F4 (disponibile in bianco oppure rosso/argento) a 16.990 euro, si passa dalla F4 R (anche lei bianca o rosso/argento) a 18.990 euro e si arriva alla F4 RR (bianco perla/nero oppure rosso/bianco) venduta a 23.990 euro.

 

 

 

 

 


TAGS: eicma 2012