Autore:
Stefano Cordara


VA DI FRETTA?
Certo che fosse veloce ce ne eravamo già accorti, non per niente è una delle naked più potenti sul mercato. Ma in Morini, evidentemente ritenevano che fosse utile spremere ancosa un po' di cattiveria della sua Corsaro. Ancora una volta un nome che si rifà al passato (la Veloce era una versione sportiva della Corsaro 125 che negli anni 60 ebbe un buon successo), per una moto che però bada ben poco all'effetto nostalgia.

CATTIVISSIMA Anzi, la Corsaro Veloce appare più grintosa e moderna che mai; con tutto quel nero a coprire cerchi, forcellone gambali forcella, piastre di sterzo e telaio si è incattivita mica poco. In più il nuovo rosso scelto per lei appare anche più sportivo del precedente. La cartella stampa parla di "componentistica di alto livello". In realtà, almeno dalla foto, non si notano stravolgimenti importanti a livello ciclistico.

TUTTO NORMALE, PARE Niente pinze radiali o sospensioni esoteriche quindi tutto nell'(ottima) norma della Corsaro 1200 che già conosciamo. Ma su questo saremo più precisi quando vedremo la moto dal vero nei prossimi giorni. Quello che è certo è che il bicilindrico Corsacorta 1200, già cattivo di suo, dovrebbe trovare ulteriore grinta grazie all'adozione dei due Termignoni che spuntano minacciosi dal codone.


FIATO AI TROMBONI
Ovviamente tutto dovrebbe essere stato accordato ai tromboni per cui è lecito aspettarsi una nuova mappatura della centralina con un ovvio risultato: ancor più cavalli e ancor più coppia. Insomma la battaglia per la conquista del trono di naked bicilindrica più potente e sportiva è tutt'altro che finita. Nei prossimi giorni, altre foto e tutti i dati.


TAGS: moto morini corsaro veloce speciale eicma 2006