Autore:
Alessandro Codognesi

TUTTI IN BELGIO Dal 20 al 23 giugno, la città di Hasselt, Belgio, è stata letteralmente invasa da vespisti provenienti da tutto il mondo. E non è certo un caso: nella cittadina fiamminga, infatti, si sono tenuti i Vespa World Days 2013, che quest’anno hanno fatto registrare numeri record: oltre 3.000 vespisti da tutto il globo, 2.300 le Vespa iscritte, 173 i Vespa Club provenienti da 21 nazioni. Il paese più rappresentato è stato naturalmente il Belgio con 722 iscritti, seguito dalla Germania con 408 iscritti.

ITALY, IL BEL PAESE L’Italia come sempre è stata protagonista ai Vespa World Days 2013 con ben 318 iscritti. Il Bel Paese è stato protagonista anche delle attività previste dal programma di quest’anno: il Vespa Club di Sirmione ha vinto la competizione turistica Vespa Trophy, mentre il Vespa Club di Rovereto si è aggiudicato l’alloro nella gara di abilità di gimkana.

PEZZI DA 90 Non sono mancate le escursioni vespistiche durante i Vespa World Days 2013, tra cui quella al mitico circuito di Zolder, gite che hanno raccolto in parata Vespa di tutte le generazioni: numerose Vespa GTS 125 Super, che in Belgio è il veicolo a due ruote più venduto, le svariate versioni di Vespa PX, diversi esemplari di Vespa GS 150 del 1959 e alcune Vespa 150 Sidecar datate 1955. In occasione del Concorso d’Eleganza hanno sfilato pezzi unici come alcune primissime Vespa prodotte, conservate o debitamente restaurate, oppure la rara Vespa 400, la vettura a quattro ruote interamente costruita da Piaggio, di cui in Italia si contano circa 90 esemplari soltanto.

ENTUSIASMO L’onda del successo della settima edizione dei Vespa World Days non si arresta e l’appuntamento per il 2014 è già fissato. La concentrazione vespistica più importante al mondo tornerà in Italia, nella città di Mantova. Segnate a calendario…