Autore:
M.A. Corniche

Quanti di voi non hanno mai dato un primo bacio in auto? Pochi vero? Ma lo avreste fatto in qualsiasi auto? Forse è stata proprio quell’auto a contribuire all’intimità e al calore che ha aiutato a raggiungere il punto di fusione.

L’auto è una piccola casa semovente e come le case ben radicate su fondamenta può trasmettere intimità e calore, o freddezza e ostilità. Generalizzare è facile: le italiane offrono calore e colore, le inglesi legno e pelle, le tedesche un biglietto per Bukenwald e le giapponesi sono tutte uguali come stanze di motel.

Ma generalizzare è sbagliato. Se pensare di mettersi in libertà su una Volkswagen Touran evoca l’immagine dei quarti di bue appesi in una cella frigorifera, il profumo di giochi per l’infanzia di una Golf quarta serie fa pensare al calore della famiglia e a tutto quanto è necessario fare per formarsene una.

Se l’Hummer H1 vi fa sentire veri maschi, l’enorme tunnel centrale non vi consente nemmeno di accarezzare su una guancia chi vi sta vicino se non avete braccia telescopiche. Se le infinite possibilità di configurare i sedili di una Renault Espace vi fanno pensare di chiedere al signor Kamasutra di includere di diritto l’inedita posizione 27 quater, il colore elegante dei tessuti di una Lancia Y ispira calore e intimità casalinghi.

Se su una Jaguar XJ pensate a un approccio alla James Bond tutto champagne e piume di struzzo, su una Alfa 147 forse vorreste aver di fianco Lara Croft (ok, vorreste averla di fianco anche sulla vostra dimessa utilitaria…).

Se gli 8000 giri di una Honda S2000 creano tempeste ormonali a lui e tempeste gastriche a lei, il cielo stellato sopra le teste è foriero di pace e sentimento. Una piccola casa, un piccolo mondo dove l’amore passa sempre almeno una volta nella vita di ognuno di noi.

E noi dela redazione, inguaribili romantici, sentiamo l’avvicinarsi di San Valentino e ci lasciamo intenerire con uno sguardo più caldo e umano verso questi oggetti di acciaio e gomma di cui valutiamo soltanto le prestazioni, la qualità di costruzione e la capacità del bagagliaio (non per giochi erotici ma soltanto per eretici bagagli). Li guardiamo anche come pezzi di vita vissuta, come contenitori di ricordi.

E voi? Vi lasciate intenerire? Volete giocare con noi a stilare la classifica delle auto più romantiche? Aspettiamo i vostri commenti, parlateci delle vostre sensazioni, segnalateci qual è l’auto che più ispira l’Amore con la A (non la S) maiuscola.

Qui sotto ne abbiamo selezionate alcune, in modo non propriamente casuale. Non per condizionarvi nelle scelte, ma per dimostrare come i soldi in amore non sono tutto, e che non serve spendere cifre da capogiro quando si cerca intimità. Anzi, è più utile allo scopo una vecchia Panda di una nuova Rolls-Royce Phantom, lussuosa, ma con un muretto tra i sedili che non invita agli approcci.

E già che ci siamo vi lanciamo anche una provocazione: sapreste riconoscere a quali modelli appartengono gli interni di queste immagini? Cliccate sulle foto per ingrandirle e poi andate a leggere le soluzioni. Se riuscite a indovinarne più della metà potete ritenervi dei veri intenditori. Di auto ovviamente...

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione

 


Leggi la soluzione

 

Leggi la soluzione


TAGS: san valentino: meglio in auto?