La classe operaria va in paradiso? Quella Ferrari di sicuro, tutti i giorni. Il paradiso (terrestre) è ovviamente a Maranello. Come definire altrimenti un ambiente di lavoro dove le maestranze passano le giornate tra vetture da sogno, giardini botanici, cascate d’acqua, luce, aria e temperature ambientali tenute costantemente sotto controllo, e dove tutto, anche i pavimenti, sono puliti e tirati a specchio come in sala parto?

Sembra fantascienza, soprattutto per chi in fabbrica ci ha passato una vita, ma è tutto vero, documentato (vedi foto qui sotto). Due per ora i nuovi reparti in attività, oltre alla galleria del vento inaugurata nel nel 1998: si chiamano Nuova Officina Meccanica e Nuova Logistica GES (la Gestione Sportiva). A cui presto si aggiungeranno il Centro di Sviluppo Prodotto, la Nuova Verniciatura, la Nuova Gestione Sportiva e il Nuovo Ristorante Aziendale. Perché anche l’occhio vuole la sua parte.

Strutture modernissime che trasformeranno la vecchia fabbrica nella migliore di tutte le fabbriche. Progetti architettonici avveniristici firmati dai più quotati architetti del mondo con cui trasmettere all’esterno, e verso i dipendenti, quell’immagine di eccellenza già raggiunta in campo meccanico che la vecchia struttura non è più in grado di dare.

Ecco allora spiegate le serre in vetrocemento in cui far nascere i migliori motori del mondo, i siluri in acciaio dove custodire questi gioielli meccanici, le navi spaziali che dovrebbero favorire la convivialità e così via. Un esempio per tutti di come la qualità tecnica non possa che procedere di pari passo con il rispetto della natura e delle persone che vi lavorano.

La Nuova Officina Meccanica                


La Nuova Logistica GES
                


Il Centro di Sviluppo Prodotto       

La Nuova Verniciatura

     

Il Nuovo Ristorante Aziendale      


TAGS: ferrari: la fabbrica dei sogni